JuveCaserta al palo:
mercato bloccato da una diatriba

Sabato 29 Febbraio 2020 di Salvatore Cavallo
In silenzio assordante della Commissione di appello della Fiba tiene in ostaggio il club casertano, impossibilitato a intervenire per rinforzare il roster a disposizione di Nando Gentile. All'ombra della reggia si è sempre in stand by in attesa della decisione sul ricorso presentato dalla Juvecaserta avverso il blocco del mercato decretato dal Tribunale di Ginevra.

La questione riguarda una presunta continuità societaria tra la vecchia e la nuova Juvecaserta, in base alla quale l'attuale club di Pezza delle noci dovrebbe far fronte al pagamento di oltre 200mila euro per i lodi degli ex bianconeri Olek Czyz, Peyton Siva e Andrea Michelori per ottenere il via libera per tesserare nuovi giocatori. C'è da sottolineare che la sanzione a titolo cautelativo è stata inflitta agli inizi di dicembre scorso e la Commissione a oggi non ha ancora deciso, respingendo, altresì, le reiterate richieste di sospensiva del provvedimento. Tempi davvero biblici e inaccettabili, visto che di fatto hanno penalizzato e condizionato la stagione della Juvecaserta per un periodo di ben 3 mesi, ovvero durante la fase clou del campionato quando solitamente le società corrono ai ripari rinforzando i roster.

Ieri, intanto, è anche scaduto il termine per le operazioni di mercato nell'ambito della serie A2 nonché la possibilità di inserire due nuovi giocatori. A questo punto, se e quando arriverà la decisione e nell'ipotesi di un accoglimento delle ragioni a supporto della tesi bianconera, l'amministratore unico nonché general manager Antonello Nevola potrà effettuare un solo tesseramento; inoltre la Juvecaserta potrà rivolgersi esclusivamente al mercato dei free agent (italiani e stranieri mai tesserati) oppure raggiungere un accordo con un cestista proveniente dalla serie A. L'unica certezza è che l'istruttoria da parte della Commissione di appello, con l'acquisizione di ulteriore documentazione e memorie difensive, è terminata; manca la decisione finale che tarda ad arrivare e comunque ha arrecato il danno di impedire alla Juvecaserta di fare mercato quasi per l'intera stagione, lasciandole soltanto un unico tesseramento nel mese di marzo.

All'ombra del Palamaggiò, intanto, proseguono gli allenamenti a ritmi serrati per prepararsi al ritorno sul parquet e per affrontare un mese e mezzo di dure battaglie per evitare la retrocessione in serie B. I bianconeri occupano attualmente la dodicesima posizione in classifica e, ad oggi, sarebbero condannati a prendere parte alla roulette russa dei playout. L'obiettivo di Giuri e compagni è chiudere almeno all'undicesimo posto per conquistare la salvezza già al termine della fase ad orologio. Intanto lunedì prossimo saranno ufficializzate le nuove date del calendario, quelle riguardanti l'ultima giornata di regular season e quelle dei recuperi del 25° turno. La fase ad orologio potrebbe così iniziare già il 15 marzo con le compagini del girone ovest che saranno impegnate in trasferta. Per consentire la disputa delle Final Eight di Coppa Italia a Ravenna dal 17 al 19 aprile, è probabile che venga stabilito per la fase ad orologio un turno infrasettimanale. In tal modo si eviterebbe di far terminare la seconda fase successivamente alla Coppa Italia, ovvero il 26 aprile. Ultimo aggiornamento: 17:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA