CORONAVIRUS

Basket stop? Perdichizzi amaro:
«La mia Scafati pronta per i playoff»

Sabato 4 Aprile 2020 di Stefano Prestisimone
Tutti fermi in attesa di decisioni. La pallacanestro italiana attende di conoscere il proprio destino, fermarsi definitivamente per il Coronavirus o tornare in campo? La prima ipotesi ormai pare certa e il coach di Scafati, Giovanni Perdichizzi è amareggiato: «Certo, siamo dispiaciuti, perchè dal punto di vista sportivo avremmo voluto finire la stagione - commenta - Eravamo al limite dei playoff e sicuri di poter entrare tra le 8 attraverso la fase ad orologio. Con l'inserimento di Angelo Warner e il recupero di Portannese puntavamo a fare un super finale. Ma obiettivamente la gente in questo periodo non so fino a che punto pensi alla pallacanestro. I tempi di inattività sono lunghi. Abbiamo dato ai giocatori delle attività da fare a casa, ma non è la stessa cosa. Penso che per ripartire bisogna dare tempo alle squadre di ricominciare ad allenarsi, almeno a maggio per poi ripartire a giugno con modalità differenti, i play off 2 su 3 ad esempio. Il finale di stagione sarebbe senza stranieri. Farli tornare sarebbe troppo complicato. Si giocherebbe con italiani e americani che ne hanno la possibilità. Comunque Scafati è la mia seconda casa e mi farebbe piacere costruire l’anno venturo la squadra con la famiglia del patron Longobardi». Ultimo aggiornamento: 10:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA