Gevi, con Agrigento per ripartire:
Sacripanti chiede aiuto ai tifosi

Sabato 7 Dicembre 2019 di Stefano Prestisimone
È un match pesante quello di domani alle 18 al Palabarbuto. La Gevi con due sconfitte in fila rimediate in Piemonte è tornata indietro in classifica e ora non può sbagliare in casa per non perdere il treno dei playoff. Ma di fronte c'è una squadra tosta come Agrigento che ha 14 punti in classifica contro i 10 di Napoli. I siculi però potrebbero essere un po' stanchi, dopo il match giocato a Treviglio giovedì sera, dunque con un giorno di riposo in meno rispetto agli azzurri.

«Contro Agrigento mi aspetto che la squadra giochi come stiamo provando a fare da un pò di tempo, mettendo in campo tutto ciò che ha - sottolinea Sacripanti - Veniamo da due sconfitte contro due squadre più forti di noi, ma non sono particolarmente preoccupato, perchè c'è stata in entrambe una buona applicazione con quale tiro sbagliato di troppo a causa della stanchezza. Dobbiamo tutti noi dare il massimo e abbiamo bisogno che il pubblico sia non solo presente ma che ci sostenga per tutta la gara poichè abbiamo bisogno della loro energia per colmare le nostre defezioni tecniche. Dalle due sconfitte abbiamo imparato che nei momenti di difficoltà e appannamento fisico dobbiamo cercare di congelare di più la palla, cercare qualche tiro all'ultimo secondo e soprattutto fare quadrato con noi stessi. Adesso siamo un po’ appannati fisicamente anche a causa di qualche infortunio di qualcuno come Chessa che riduce le rotazioni. Di solito non faccio appelli, credo che la gente viene se ce lo meritiamo. Però credo che in questo momento abbiamo un forte bisogno del nostro pubblico, perchè i ragazzi stanno offrendo il massimo impegno per recuperare il gap di inizio stagione». © RIPRODUZIONE RISERVATA