Gevi, crollo pesante a Brescia (95-72),
la difesa sbanda, Buscaglia espulso

Gevi, crollo pesante a Brescia (95-72), la difesa sbanda, Buscaglia espulso
di Stefano Prestisimone
Domenica 4 Dicembre 2022, 21:03
2 Minuti di Lettura

Una batosta di quelle dure da digerire. La Gevi più brutta dell'anno finisce sotterrata da Brescia (95-72) e in una giornata nella quale, grazie alla pesanti assenze dei lombardi, si pensava potesse almeno competere fino alla fine. Con una difesa che è un eufemismo definire blanda, Napoli resta comunque abbastanza vicina nel punteggio. Ma poi arriva il patatrac nel terzo quarto, in cui subisce 34 punti. E il tutto condito dall’espulsione di coach Buscaglia cui saltano i nervi contro gli arbitri. Finita sotto di oltre 20 punti, la Napoli guidata dal vice Pancotto non riesce neppure a limitare i danni nel finale. Ma mentre a Tortona il ko era stato rocambolesco, in questo caso  il crollo è preoccupante e senza lottare, senza reazione. E ora occorre cercare di rinsaldare in fretta le fila perché la classifica con 3 vittorie e 6 sconfitte non lascia tranquilli e lo sbandamento è stato pesante. La Gevi ha perfino fatto riemergere dal buio l’oggetto bresciano misterioso, Massinburg, finora impalpabile, e che ha chiuso con 24 punti. Nessuno da salvare, forse solo Williams (17 punti e 8 rimbalzi) e in parte Zanotti in attacco (12). Impalbabili gli altri (nella foto di Ciamillo&Castoria, Elijah Stewart).

Buscaglia laconico a fine gara: “Abbiamo subìto in difesa e a rimbalzo, non mettendo corpo e fisico. E questo ha creato una grande fiducia per Brescia. 34 punti subiti nel terzo quarto sono tantissimi, bisogna dare molto di più come energia per poter competere”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA