Gevi Napoli corsara a Udine,
il primo posto è a un passo

Mercoledì 12 Maggio 2021 di Stefano Prestisimone
Gevi Napoli corsara a Udine, il primo posto è a un passo

Gran vittoria di Napoli che espugna Udine battendola per la terza volta in questa stagione per 64-71. Una vittoria voluta, al termine di un match equilibrato fino all’inizio dell’ultimo quarto quando i partenopei hanno allungato gradatamente grazie anche a difesa e rimbalzi offensivi. Due punti d’oro che potrebbero valere il primo posto nel tabellone dei playoff. Anche per il ko interno di Torino con Scafati. Manca solo la partita interna contro Tortona di domenica prossima. Mancavano Giuri a Udine e Lombardi a Napoli, due assenze importanti.

Monumentale Uglietti, che ha bloccato Johnson ed è stato utile anche in attacco (9 punti), ottimi i due lunghi Iannuzzi e Zerini con rispettivamente 14 e 8 punti (Zerini anche 9 rimbalzi), ottimo Monaldi, 14 punti  e 4/7 da tre, bene anche Partks (14 e 8), imprecisi Mayo (nella foto Lodolo) (10 con 1/9 da tre), e giornata nera di Marini  2 punti e 0/5 da tre.

Ottima prima parte di match per Napoli, che dopo un avvio equilibrato (4-9, poi 9-9), riesce ad allungare con Iannuzzi, Mayo e Parks proprio in finale di primo quarto (14-17). Uglietti dà la spinta difensiva per il 17-22, con arriva il 17-26 con Iannuzzi, Udine si piazza a zona ma gli azzurri allungano ancora con due triple di Monaldi (22-32), ma nel finale di tempo i padroni di casa riesce a riportarsi vicina (31-35).  Terzo quarto con squadre attaccate, Udine passa sul 37-35, il punteggio resta equilibrato a lungo (49-49), poi gli azzurri allungano in modo perentorio nell’ultimo quarto con Uglietti e Monaldi (53-60), Udine ci prova ancora ma non ha più energie e la Gevi chiude con margine di sicurezza.

Così Sacripanti nel dopo gara: «Partita bella, intensa e super vittoria contro una squadra forte e ben allenata. Una bella risposta da parte del gruppo, che è sempre stato serio e responsabile. Venivamo da due sconfitte e questa vittoria ripaga tutta la nostra dedizione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA