Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Scafati, oggi gara-2 contro Casale:
vincere per blindare la qualificazione

Lunedì 9 Maggio 2022 di Stefano Prestisimone
Scafati, oggi gara-2 contro Casale: vincere per blindare la qualificazione

Riecco la Givova Scafati che a distanza di due giorni dalla vincente gara-1 dei playoff, stasera replica alle 20,45, al PalaMangano contro la Novipiù Casale Monferrato. Il team gialloblù vuole provare a bissare il risultato per mettere una seria ipoteca sul passaggio del turno. La prestazione di sabato sera, con vittoria anche larga nel punteggio, ha lasciato intravedere ampie possibilità di poter portare la serie sul 2-0 e quindi avere due opportunità sul parquet piemontese per chiudere la serie la prossima settimana.

Coach Andrea Valentini, così come per gara uno, neppure in gara due potrà disporre della guardia Williams e dell’ala grande Martinoni, risultati positivi al Covid-19 alla vigilia del match d’esordio di questa terza ed ultima fase stagionale.

Il capo allenatore della Givova, Alessandro Rossi: «Dobbiamo ricaricare subito le pile cercando di riproporre il livello di intensità visto in gara uno. Certamente faremo qualche adeguamento difensivo ed offensivo, ma ne faranno anche gli avversari e sarà importante capire che piega prenderà la partita sin dall'inizio. Siamo determinati a voler confermare il nostro vantaggio del fattore campo».

L’ala grande Valerio Cucci: «Le assenze di Williams e Martinoni hanno condizionato gara uno, ma ciononostante nella prima parte di gara Casale Monferrato ha dimostrato una identità forte. Mi aspetto per gara due alcuni leggeri adattamenti tattici, soprattutto in difesa, magari con la zona o la pressione a tutto campo. Noi dovremo mostrare aggressività e corsa sui 40’ a discapito di quanto fatto nella gara d’esordio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA