Kobe Bryant, Shaq piange in tv:
«Ho perso un fratello»

Mercoledì 29 Gennaio 2020
Kobe Bryant, Shaq piange in tv: «Ho perso un fratello. Non ho mai provato un dolore così» VIDEO
Insieme a Kobe Bryant, Shaquille O'Neal ha vinto tre dei suoi quattro titoli NBA: uno al fianco dell'altro, hanno portato i Los Angeles Lakers sul tetto del mondo all'inizio degli anni 2000. Compagni, ma anche rivali in campo, amici fuori dal campo, i due erano più legati di quanto si dica: e ieri Shaq, ospite fisso nelle trasmissioni dedicate al basket della tv americana via cavo TNT, ha parlato di Kobe con le lacrime agli occhi.

Leggi anche > Morte Kobe Bryant, la moglie Vanessa rompe il silenzio: «Siamo completamente devastati. Pregate per noi»
 Addio Kobe Bryant. Perché la sua morte ha segnato un'intera generazione


Il gigante ex LSU, 47 anni, è andato avanti per quasi dieci minuti senza riuscire a trattenere il pianto e la commozione. 
«Mi stavo allenando in casa con mio figlio e mio nipote quando quest'ultimo mi ha fatto vedere il suo telefono, piangendo. Mi sono arrabbiato, gli ho detto di togliermelo dalla vista: viviamo in un mondo in cui tutto si può photoshoppare, non riuscivo a crederci. Poi però mi hanno chiamato Charles, Kenny (Barkley e Smith, ndr)».



«Non ho mai provato un dolore così. Ho 47 anni, ho perso due nonne, una sorella, e ora anche un fratello minore - ha continuato - I nostri nomi saranno per sempre legati per ciò che abbiamo fatto insieme. Molti mi hanno chiesto del nostro rapporto, è come quello che ho con Charles Barkley: due personalità forti, che si scontrano per fare tutto a modo loro ma nel rispetto reciproco. E quando bisogna vincere, vincono». «Ho letto che sull'aereo c'era anche Rick Fox, l'ho chiamato e non rispondeva. Poi ho scoperto che c'era la piccola Gigi. Ogni volta che vedevo Kobe con le figlie dicevo 'ecco lo zio Shaq' e le facevo ridere, è devastante».
 


Ormai preso dalla commozione, O'Neal aggiunge: «Nella vita non dirsi le cose, trattenere i pensieri, non ha senso. Lavoriamo tanto, diciamo di non avere tempo e diamo tutto per scontato. Una delle cose che mi fa più male è che non potrò più scherzare con Kobe, come quando al suo ingresso nella Hall of Fame mi sfotteva dicendo 'ehi io ho 5 anelli, tu soltanto 4'. Non potremo più dirci che, se fossimo rimasti insieme, ne avremmo vinti 10 di anelli». «Poi Rick Fox mi ha richiamato - conclude - gli ho detto che gli voglio bene. D'ora in poi cercherò di dirlo più spesso alle persone a cui tengo, perché in questa vita non si sa mai».Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio, 09:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA