La Gevi abbatte anche Biella:
Monaldi in versione cecchino

Domenica 16 Febbraio 2020 di Stefano Prestisimone
Non si ferma, la Gevi. Mette la quarta e resta in zona sorpasso. Annientata anche Biella (74-60) con la tela del ragno difensiva che diventa impenetrabile. Una vittoria pesantissima contro un’altra delle big e divario tale da ribaltare anche il passivo dell’andata. Impressionante la sicurezza dei partenopei, la panchina lunga consente a Sacripanti di giostrare a piacimento. A due giornate dalla fine della regular season e dall'inizio della fase ad orologio ora l'obiettivo potrebbe diventare quello di acciuffare una posizione ancor più importante del settimo posto attuale. Monaldi straripante (28 con 7/13 da tre) in serata magica, soprattutto devastante nella prima parte di match. Bene Sherrod (12), Roderick nonostante mal di schiena (16 e 10 rimbalzi), Iannuzzi (10 con 5/7), Sandri per l’intensità difensiva. Ottimo l’inserimento di Janelidze, quasi 20’ in campo con grande maturità, apporto difensivo e offensivo (5 punti con 2/2). Pubblico sulle 1500 unità, meno di quanto fosse lecito attendersi.
 “Abbiamo fatto una partita quasi perfetta in difesa, abbiamo eseguito molto bene ciò che abbiamo preparato in settimana studiando l’avversario - spiega coach Pino Sacripanti . Sono un po’ di partite che riusciamo a tenere i nostri avversari ad un punteggio molto basso, gestendo il ritmo gara. Sono particolarmente contento perchè è una vittoria che ci proietta al nostro secondo obiettivo. Vogliamo provare ad entrare nei playoff per il lavoro che fa la squadra giorno per giorno e che fa la proprietà. Janelidze ha fatto una buona prestazione, sapeva cosa fare e ha realizzato canestri importanti. Volevo ringraziare i dottor D’Alicandro e Capuano, i fisioterapisti Serpico ed Esposito e il preparatore Russo perchè se Terrence Roderick è stato in campo questa sera è grazie al loro lavoro su di lui che ha avuto problemi alla schiena”. © RIPRODUZIONE RISERVATA