La Gevi soffre ma batte Chieti
e ora è prima da sola in testa

Mercoledì 6 Gennaio 2021 di Stefano Prestisimone

Vince soffrendo la Gevi (90-85) che dopo la prova di forza nel derby contro Scafati di domenica, ha un po' pagato lo scotto sia fisico che mentale contro una Chieti in serata strepitosa al tiro da 3 (46%) e un Meluzzi scatenato (28). Ma è una vittoria che vale il primo posto in solitario, visto che Forlì non ha giocato. I romagnoli hanno due partite da recuperare ma domenica c'è lo scontro diretto in Romagna con Napoli che ci arriva con 8 vittorie e una sola sconfitta. Ottima partita di Iannuzzi (18 e 8 rimbalzi), in doppia doppia Lombardi (11 e 12), bene Mayo in netta ripresa fisica (11 punti 6 assist), Sandri generoso e prezioso (8 punti e tanto lavoro sporco in 14'). Parks (nella foto) tra luci e ombre, con canestri da fuoriclasse e qualche palla persa di troppo. Nel finale punto a punto è emersa la solidità degli azzurri che con Iannuzzi quasi perfetto al tiro, e Lombardi a dominare sotto i tabelloni hanno portato a casa due punti pesantissimi.
“E’ stata una partita molto difficile - dice coach Sacripanti -. Venivamo da una gara molto dura come quella di Scafati e né lunedi né martedi siamo riusciti ad allenarci a causa dei vari acciacchi avuti. Abbiamo fatto tanta teoria e poca pratica. Sono comunque contento perché i ragazzi nel momento di difficoltà sono rimasti compatti, costruendo buoni tiri e conquistando liberi importanti. Complimenti ai nostri avversari. Chieti ha giocato un’ottima partita. Ero molto preoccupato per questa gara, sapevo che le nostre energie, sia fisiche che nervose, erano in calo e solo questa mattina abbiamo saputo che tutti erano a disposizione. Ora avremo due giorni per preparare la gara con Forlì. Andremo a giocare a casa della squadra imbattuta. Giocheremo a viso aperto, sapendo di affrontare la squadra in questo momento più in forma del campionato”.

Ultimo aggiornamento: 20:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA