Basket, la finale scudetto sarà
tra Olimpia MIlano e Virtus Bologna

Mercoledì 2 Giugno 2021 di Marino Petrelli
Basket, la finale scudetto sarà tra Olimpia MIlano e Virtus Bologna

Trentasette anni dopo, Olimpia Milano e Virtus Bologna torneranno a giocarsi la finale per lo scudetto. Si comincia sabato 5 giugno al Forum di Milano. La Segafredo batte Brindisi anche in gara tre al termine di una partita molto dura dove spicca la stella di Teodosic, 29 punti, e in generale la maggiore forza dei padroni di casa che vincono anche a rimbalzo, 47 contro 36.  Le Vu Nere tornano a giocarsi una finale scudetto dopo 14 anni. Brindisi saluta il campionato dopo una stagione indimenticabile: seconda in campionato con il record di vittorie, semifinale scudetto e un futuro tutto da scrivere. A Bologna risponde Milano che ha fretta di chiudere la serie contro una Venezia, che dopo aver giocato un’ottima gara uno, non ha più la forza di giocare alla pari della AX. Al Taliercio decide, di fatto, il terzo periodo da 14-24 per Milano che poi controlla e chiude la serie 3-0. La Reyer, ultima vincitrice dello scudetto nel 2019 ( nel 2020 il campionato fu chiuso ad aprile), abdica tra gli applausi. 


SEGAFREDO VIRTUS BOLOGNA - HAPPY CASA BRINDISI 78-75

Le due squadre cominciano come in gara due, Bologna attacca l’area avversaria, Brindisi gioca dal perimetro. Pugliesi avanti 2-7 al quarto. Entra Teodosic e cambia la musica, 10-9 Virtus all’ottavo. Le due squadre tirano male  i liberi e da tre, Brindisi chiude avanti 13-17 alla fine del primo periodo. Harrison segna due triple incredibili da nove metri lanciano gli ospiti 16-27 al 13esimo. Con pazienza, la Virtus ritorna in partita. Gamble e Teodosic inventano in attacco, Vu Nere al minimo svantaggio, 28-29 al 26esimo. Teodosic arriva a quota 15 punti. Al riposo lungo è 37-40

Al rientro in campo c’è solo lotta in campo, non si segna per tre minuti. Perkins commette terzo e quarto fallo, un grande problema per Brindisi che però resta avanti 42-46 al 25esimo. Weems guida la Virtus che dopo molti minuti trova il primo vantaggio, 48-46 al 27esimo. Bologna resta avanti 55-53 al terzo riposo grazie ad un parziale da 18-11. Belinelli e Bostic fanno parziale e contro parziale, ospiti ancora avanti 59-62 al 33esimo. Gaspardo segna punti importanti, Teodosic è immancabile: tripla del 69-69, liberi del 74-69 al 38esimo. Alla fine per il serbo, 29 punti, massimo in stagione, con 10/17 dal campo e sei assist. Belinelli (11 punti) mette i liberi del 78-72, Thompson la tripla del 78-75, non c’è più tempo, Bologna vince e vola in finale scudetto con 47 rimbalzi contro 35. Harrison 15 punti, ma solo uno nei secondi 20 minuti, Gaspardo 14, Bostic 10 (1/8 dal campo). 

UMANA VENEZIA - AX MILANO 83-93

Di ritorno da Colonia con il terzo posto in Eurolega, Milano vuole chiudere in fretta la serie. La Reyer parte forte, 13-6 al quarto, poi 19-15. Milano resta in partita. Al decimo è 21-21. La partita resta in grande equilibrio, Watt (19 alla fine) e Chappell per i padroni di casa provano ad allungare, ma Leday non ci sta e l’Olimpia pareggia 38-38 allo scadere del secondo quarto. Come in gara 1, le percentuali al tiro sono molto simili, 46 per cento contro 48. 

L’intervallo lungo calma un pò gli animi dopo alcuni momenti di tensione tra l’allenatore della Reyer e Delaney di Milano nel finale di tempo. Si segna pochissimo, 39-42 al 23esimo. Venezia non trova più il canestro, Hines è ovunque per Milano che vola 41-49, poi 44-54 al 27esimo. Daye prova a ridurre, ma Rodriguez trova due liberi dal nulla e l’Olimpia resta avanti 52-62 (parziale da 14-24). Shields e Hines fanno volare la Ax, 58-73 al 34esimo. Milano in attacco segna da ogni parte. Punter (18 punti), Hines (17) e Shileds (16) danno il 70-84. Daye (22 punti) è l’ultimo a mollare, ma l’Olimpia non trema. Finisce 83-93. MIlano dopo aver vinto Supercoppa italiana e Coppa Italia andrà all'assalto dello scudetto che completare una stagione fantastica.

Ultimo aggiornamento: 3 Giugno, 05:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA