Rodrigo Palacio, dall'addio al calcio
alla nuova vita sul parquet (a 40 anni)

Rodrigo Palacio, dall'addio al calcio alla nuova vita sul parquet (a 40 anni)
di Leonardo Maltese
Martedì 27 Settembre 2022, 13:51 - Ultimo agg. 28 Settembre, 12:02
2 Minuti di Lettura

«Rodrigo Palacio se despide del fútbol»: è questa la notizia che da ieri circola in Argentina e nel mondo. L'ex attaccante del Boca Juniors e della nazionale albiceleste appende gli scarpini al chiodo. 737 partite, 246 gol, 8 titoli (tutti alla Bombonera): è la fine di una lunga carriera professionistica iniziata nel 2002 all'Huracán, nella provincia di Buenos Aires. Approdato al Genoa nel 2009, non si è più mosso dal nostro Paese. Dopo gli anni trascorsi a incantare il pubblico dello stadio "Luigi Ferraris", Palacio ha giocato prima all'Inter poi al Bologna e infine al Brescia in Serie B.

"El Trenza", come viene da sempre soprannominato per la sua curiosa treccina di capelli, simile a quella degli allievi jedi protagonisti nella famosa saga cinematografica "Star Wars", di smettere con lo sport però non ha proprio intenzione. A 40 anni non è mai troppo tardi per un nuovo inizio: nel suo caso, è il mondo del basket ad aprirgli le porte. La canotta che indossa da poco più di una settimana è quella della Polisportiva Garegnano, squadra dell'omonimo quartiere di Milano, che gioca nella Serie D lombarda.

Dopo i 4 punti messi a referto nella prima partita, ne sono arrivati 14 nella seconda uscita: come il numero che portava dietro la maglia ai tempi del Boca. Adelante y arriba, Palacio vola a canestro sulle orme di un altro illustre sportivo originario di Bahía Blanca come lui. Parliamo dell'hall of famer Manu Ginobili: 4 titoli Nba con i San Antonio Spurs, un oro olimpico, uno scudetto e una Eurolega con la Virtus Bologna. Chissà se i due si ritroveranno presto in campo per fare due tiri insieme.

© RIPRODUZIONE RISERVATA