Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Scafati a Casale per chiudere 3-0,
coach Rossi: «Sarà una battaglia»

Giovedì 12 Maggio 2022 di Stefano Prestisimone
Scafati a Casale per chiudere 3-0, coach Rossi: «Sarà una battaglia»

Dopo i successi in gara uno e gara due della serie, la Givova Scafati proverà a chudere la serie dei quarti di finale playoff di A2. Stasera alle  20,30, i campani scenderanno sul parquet del PalaFerraris contro la Novipiù Casale Monferrato, con l’obiettivo di inanellare quel terzo successo che significa passaggio del turno. La truppa di coach Valentini però è motivata dalla voglia di piazzare almeno una vittoria in questi playoff e di farlo contro la capolista del girone rosso, provando ad allungare la serie e a giocarsi tutte le proprie chance fino in fondo. Potrebbe poi riaggregarsi al gruppo anche il capitano Martinoni, finora non utilizzato, a causa della contrazione del covid-19, che lo ha costretto a guardare giocare i compagni da casa. Il coach scafatese Alessandro Rossi alla vigliia: «Quello di Casale Monferrato è un ambiente caldo, preparato e competente, dove si respira pallacanestro vera, quindi mi aspetto di trovare una squadra che cercherà almeno di allungare la serie e portarla a gara quattro. Non andremo in terra piemontese consapevoli di avere due opportunità, ma con l’idea di giocare le partite una per volta. Non possiamo permetterci di scendere in campo pensando agli scarti di punti accumulati nelle prime due gare della serie, perché gara tre sarà una partita completamente diversa dalle altre. Forse Casale Monferrato recupererà il capitano Martinoni, giocatore che ha esperienza e fisicità, prezioso su ambedue le parti del campo, ma la sua eventuale presenza in campo non stravolgerà l’assetto dei piemontesi, contro i quali dovremo essere pronti mentalmente e fisicamente, perché saremo attesi da una vera e propria battaglia»

© RIPRODUZIONE RISERVATA