Stati Uniti, protesta dei giocatori Nba
per gli spari ad afroamericano

Martedì 25 Agosto 2020
I giocatori Nba alzano di nuovo la voce dopo il nuovo episodio di violenza da parte della polizia nei confronti di un afroamericano avvenuto a Kenosha, a circa 40 chilometri a sud di Milwaukee. George Hill è esploso su Twitter: «Siamo qui a giocare nella bolla come se niente fosse: ma le cose devono cambiare». E Donovan Mitchell, stella dello Utah, ha aggiunto: «Al diavolo i playoff!». Via twitter anche LeBron James commenta l'ennesimo video che testimonia la violenza della polizia nei confronti della comunità afroamericana (in questo caso i 7 colpi inferti da dietro, alla schiena di Jacob Blake, di fronte agli occhi dei suoi tre figli piccoli che lo attendevano in auto). «E vi stupite ancora del perché diciamo quello che diciamo della polizia!! - scrive la stella dei Lakers - Qualcuno mi può spiegare cosa diavolo è tutto questo???!! E' esattamente un altro uomo di colore preso di mira: tutto questo è dannatamente sbagliato e triste!! Sono distrutto per lui, per la sua famiglia, per la NOSTRA GENTE!! Vogliamo GIUSTIZIA». A tre settimane dalla ripresa della stagione, l'NBA ha mostrato un enorme supporto per il movimento Black Lives Matter. Ultimo aggiornamento: 12:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA