Benevento-Inter, solo mille tifosi
per il ritorno delle streghe in serie A

Venerdì 25 Settembre 2020 di Luigi Trusio
I tifosi giallorossi torneranno sugli spalti del «Ciro Vigorito». Il Benevento va in controtendenza e tende la mano ai supporter: niente inviti per la sfida con l'Inter, allo stadio ci saranno i più affezionati, ovvero coloro i quali, tra i possessori di abbonamento per la stagione 2019/20, riusciranno ad accaparrarsi il prezioso tagliando. L'ultimo step tocca alla Regione Campania, che dovrà dare il via libera alla presenza della gente sulle gradinate. Il Benevento, infatti, ha inoltrato ufficialmente richiesta e attende che il presidente De Luca firmi l'ordinanza di autorizzazione per mettere in vendita i biglietti che, come anticipato martedì, saranno riservati ai soli abbonati dello scorso anno e quindi fruibili, unicamente online sul sito Ticketone, a una platea di 7805 potenziali acquirenti. L'ok dovrebbe arrivare nelle prossime ore e si tratta di una pura formalità, visto che il governatore appena riconfermato ha già concesso il lasciapassare al Napoli (che aveva presentato domanda qualche giorno prima rispetto al club giallorosso) per ospitare al San Paolo 1000 persone in occasione del match di domenica contro il Genoa. Intanto proprio ieri, la Conferenza delle Regioni, all'unanimità, ha approvato un documento per estendere la riapertura degli stadi fino al 25% della capienza: in questo caso, si tratta di una decisione che verrà presa solo a partire da ottobre e bisognerà capire cosa ne pensa il Governo, che sul punto in questione è letteralmente spaccato. Contrario il ministro della Salute Speranza, scettico il Cts, favorevole il ministro dello Sport Spadafora. Prima dell'Inter c'è tuttavia la Samp. Il Benevento è concentrato sull'esordio in campionato di domani pomeriggio al «Luigi Ferraris» di Genova. Oggi la squadra effettuerà la rifinitura e poi partirà alla volta di Genova con un volo charter. Resteranno in città gli infortunati Antei, Volta e Viola, mentre per Barba si è riaccesa la speranza. Il difensore ha fatto registrare piccoli miglioramenti e alla fine potrebbe anche partire con i compagni. Decisiva la seduta di questa mattina per il suo inserimento tra i convocati.

Nel frattempo la società oggi depositerà in Lega la prima, provvisoria (potrà essere cambiata fino al 6 ottobre) lista dei 25. Verranno temporaneamente esclusi dalla stessa Gori, Volta, Viola, Antei e forse Vokic. Questi ultimi due sono in procinto di passare al Pescara. L'intesa su Antei è stata raggiunta in quanto il romano dovrebbe passare al Delfino a titolo definitivo e quindi il club abruzzese può spalmare la cifra eccedente del suo lauto ingaggio sugli anni successivi di contratto. Per Vokic, invece, il trasferimento prevede un prestito secco, ma lo sloveno guadagna una cifra contenuta. La doppia operazione è in dirittura d'arrivo e sarà annunciata nelle prossime ore. Il Pescara è anche forte su Tuia e attende il via libera da Inzaghi, che per adesso tarda ad arrivare in quanto Barba non è ancora al top e al centro della difesa non ci sarebbero alternative. Il Benevento ha provato a reinserire nelle varie operazioni con il club di Sebastiani ancora una volta Pietro Iemmello, il quale ha rifiutato la proposta del Las Palmas (pista che potrebbe riaprirsi solo in caso di offerta più congrua per il riscatto del cartellino). Il presidente biancazzurro per adesso nicchia, ma non è detto che l'affare non si farà tra qualche giorno. Quanto a Volta, oltre alla Cremonese lo vogliono anche Spal e Brescia. Lui preferirebbe quest'ultima come destinazione in modo da avvicinarsi a casa (è originario di Desenzano del Garda). In entrata si muove poco o nulla, anche se qualche leggero passo avanti su Iago Falque è stato fatto. Col Torino si lavora al prestito secco ma oneroso, restano da definire le cifre. Il Benevento non vorrebbe andare oltre gli 800mila euro. Per il resto si attendono le cessioni. Solo contatti e acquisizione di informazioni. Soprattutto per gli argentini: dopo Vera (Argentinos Juniors) e Palacios (San Lorenzo), al club sannita è stato proposto Jorman Campuzano, centrocampista centrale classe 96 del Boca Juniors. Infine, come anticipato, ceduto ai turchi dell'Hatayspor in prestito con obbligo di riscatto il camerunese Billong, che rientra dalla Salernitana in anticipo sul prestito biennale (anche in quel caso con obbligo) in seguito allo svincolo del Collegio Arbitrale (cui la Salernitana si era rivolta per chiedere il licenziamento per giusta causa), che lo aveva rispedito alla società di via Santa Colomba. Ultimo aggiornamento: 10:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA