Il Milan vince anche a Benevento:
2-0 e si riprende il primo posto

Domenica 3 Gennaio 2021

Non sbaglia la prima del 2021 il Milan: i rossoneri restano in dieci già al 30', soffrono, ma alla fine sbancano il «Vigorito» mantenendo la vetta della classifica con un gol per tempo grazie a un rigore di Kessie e a un capolavoro di Leao a inizio ripresa. Il Benevento può recriminare, fermato dai propri errori sotto porta e da un super Donnarumma, e infine condannato dall'errore di Caprari dal dischetto che a mezzora dalla fine avrebbe potuto riaprire la partita. Non c'è Ibrahimovic al centro dell'attacco rossonero: Pioli sceglie Leao, con Diaz dirottato a destra sulla trequarti e Castillejo inizialmente in panchina. Senza Theo Hernandez, tocca a Dalot in corsia mentre Tonali vince il ballottaggio con Krunic per affiancare Kessiè. Sul fronte opposto ancora ko Iago Falque, Inzaghi schiera Insigne e Caprari alle spalle dell'ex Lapadula, con Barba confermato in difesa e Foulon in panchina. Bastano pochi secondi alla capolista per prendere le misure dei padroni di casa: al quarto di gioco Brahim Diaz libera il colpo dal limite, ma la palla si spegne a lato. Al 13' il Benevento imposta dal basso ma Tuia è lento nel gestire il pallone e si scontra con Rebic. L'arbitro Pasqua non ha dubbi e assegna il calcio di rigore: sul dischetto va Kessiè che non sbaglia e porta avanti il Milan. Il Benevento non accusa il colpo e prova a spingere alla ricerca del pareggio: ci va vicinissimo Insigne che col sinistro centra il palo dal limite dell'area al 20'. I rossoneri provano a gestire limitando i rischi e cercando gli spazi giusti per colpire ancora Montipò, ma alla mezzora cambia ancora il match. Intervento duro di Tonali su Ionita: Pasqua punisce inizialmente con il giallo il centrocampista del Milan, ma viene richiamato dal Var. Dopo aver visionato le immagini, il direttore di gara estrae il rosso, lasciando gli ospiti in inferiorità numerica.

Pioli cambia volto al Milan, inserendo Krunic in mezzo al posto di Diaz e dopo un minuto anche Inzaghi è costretto a correre ai ripari: fuori Letizia, infortunato, e dentro Improta. Prima del riposo il Benevento accelera e sfiora per due volte il pareggio: prima Insigne col sinistro non trova lo specchio della porta, poi è lo stesso attaccante napoletano a rendersi pericoloso in area, bloccato però da Donnarumma. All'intervallo Inzaghi getta nella mischia Moncini, ma dopo 4' il Milan raddoppia: pasticcio di Montipò in uscita e pallonetto delizioso di Leao per il 2-0. Un colpo duro per i padroni di casa che continuano ad attaccare a testa bassa e al quarto d'ora hanno l'occasione per riaprire il match. Krunic atterra Caprari in area e Pasqua indica il dischetto, ma è lo stesso attaccante giallorosso a fallire il penalty, calciando a lato. Il Benevento prova ancora a impensierire Donnarumma, ma sono gli ospiti ad andare più vicini al terzo gol centrando due volte i legni: prima con Calhanoglu dal limite, poi con Kessiè da ottima posizione. Il triplice fischio di Pasqua sancisce la fine: è festa rossonera mentre al Benevento resta l'amaro in bocca.

Ultimo aggiornamento: 20:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA