Benevento, pari con il Frosinone:
finisce 2-2 con i gol di Letizia ed Elia

Domenica 8 Agosto 2021 di Gianrocco Rossetti
Benevento, pari con il Frosinone: finisce 2-2 con i gol di Letizia ed Elia

Il Benevento torna da Frosinone con 2-2 ed evitando una sconfitta che sarebbe stata immeritata. Caserta anche al «Benito Stirpe» contro la formazione ciociara ha proseguito i suoi esperimenti. Il tecnico giallorosso ha optato per un iniziale 4-3-3 molto fluido che a tratti si è tramutato in un 4-4-2, grazie all'estrema mobilità degli interpreti in campo che hanno provato a non dare mai riferimento agli avversari. Ancora una volta all'appello è mancato il colombiano Tello, assente anche dalla panchina, così come l'atteso Lapadula. 

A difesa dei pali è stato sistemato Paleari e dinanzi a lui una difesa a quattro con Letizia a destra e Foulon a sinistra, Glik e il giovane Pastina come coppia di centrali. La mediana si è composta con Kragl sulla destra, Calò in cabina di regia, Ionita al suo fianco a sinistra e Improta sull'out mancino, che fungeva sia da esterno di centrocampo che di attacco. A Insigne è stato affidato il compito di fungere da elastico con la prima punta Sau. Solo panchina per il neo arrivato Acampora (senza poi subentrare). Il Benevento è partito in modo volenteroso, provando qualche affondo dalla distanza con Kragl e Calò (su calcio di punizione) ma i giallorossi hanno patito l'occasione più ghiotta della prima parte di gara a favore del Frosinone con Boloca, che ha sciupato in malo modo un cross di Ciano giunto dopo un errore difensivo dei giallorossi. Successivamente la difesa giallorossa ha commesso un altro errore di disimpegno, ma ancora una volta il Frosinone non ne ha approfittato con Rohden che ha concluso di poco al lato. Proprio pochi istanti prima del finale di tempo, il Benevento ha trovato il gol con un tiro cross di Letizia che ha sorpreso il portiere dei ciociari. La seconda frazione è poi ricominciata senza che Caserta modificasse l'assetto dei giallorossi. Il Frosinone, però, è riuscito dapprima a pareggiare con Brighenti e poi in rapida successione con l'ex Iemmello ha raddoppiato, sfruttando un contropiede sul quale la difesa sannita si è fatta sorprendere. A quel punto Caserta ha gettato nella mischia Elia e il giovane Talia, rispettivamente al posto di Improta e Kragl. Di Serio, invece, è subentrato a Sau e Masciangelo per un claudicante Pastina. Poi è stata la volta di Vokic per Ionita. Il Benevento ne è uscito decisamente ridisegnato. Il caldo e la fatica hanno sfilacciato le squadre in campo, rendendo la gara vivace ma con i calciatori davvero poco precisi. Tuttavia, nel finale, ci ha pensato Elia con un tocco di testa sottoporta, su preciso cross di Masciangelo, a pareggiare il conto e portare il risultato sul 2-2 con cui si è chiusa la contesa.

Per Caserta sono giunte buone indicazioni, ma anche tanti elementi su cui lavorare per proseguire la sua opera di costruzione del nuovo Benevento. Dopo l'amichevole disputata dai giallorossi al «Benito Stirpe», alla quale i sostenitori sanniti non hanno potuto assistere dal vivo, i tifosi della «Strega» torneranno a poter seguire la propria squadra del cuore. Quanto non è avvenuto in questo anno e mezzo segnato dalla pandemia tornerà ad accadere martedì. Infatti, in occasione dell'amichevole che i giallorossi di Caserta disputeranno al «Domenico Conte» di Pozzuoli contro la Puteolana (calcio d'inizio dalle 17.30), la società ospitante ieri ha comunicato da ieri mattina sono stati messi in vendita, a Benevento presso il Tabacchi Collarile di via Cocchia, 250 biglietti a disposizione della tifoseria del Benevento al costo di 4 euro (inclusa prevendita). Il biglietto sarà nominativo e non cedibile, quindi occorrerà presenziare ai varchi di accesso muniti di carta d'identità e green pass o con certificato di tamponamento entro le 48 ore precedenti. Gli spettatori dovranno osservare il distanziamento e indossare la mascherina. 

La giornata di ieri ha messo per qualche ora in stand by le varie trattative che il Benevento comunque ha in piedi. Per rinforzare la difesa è sempre un testa a testa tra Elio Capradossi dello Spezia e Alessandro Vogliacco del Pordenone. Il primo dalla sua parte ha un pizzico di esperienza in più, ma è anche reduce da un brutto e lungo infortunio. Il secondo mette sulla bilancia la sua giovane età e, quindi, la possibilità di essere un under fuori dalla lista dei 18 over che il Benevento dovrà stilare a chiusura di mercato. Dopo Acampora resta sempre viva l'attenzione del club per qualche altro innesto a centrocampo che sarà direttamente dipendente dalle sorti future di Ionita. Ugualmente per l'attacco sarà fondamentale capire quale potrà essere il destino di Lapadula affinché il Benevento possa fiondarsi su un nuovo centravanti che potrebbe rispondere al nome di Lamantia o Donnarumma, oppure godersi il peruviano di Torino.

Ultimo aggiornamento: 15:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA