Parma-Benevento 0-0:
poche occasioni, tanta noia

Domenica 6 Dicembre 2020

Era la prima volta che Parma e Benevento si affrontavano nella loro storia: ebbene il match del Tardini non sarà certo da ricordare se non per questa statistica. La formazione di Liverani e quella di Inzaghi si dividono la posta, senza segnare gol, con pochissime occasioni, con ancora meno emozioni. A parziale giustificazione le assenze, otto nelle fila del Parma, sei nei campani ma chi ha vinto sul terreno del Tardini, reso pesantissimo dalla pioggia, è stata la paura. Nessuna delle due squadre voleva perdere e così poche incursioni in avanti e di conseguenza contropiedi degni di questo nome. E pensare che il Parma veniva dal successo convincente a Marassi con il Genoa, il Benevento nientemeno che dal pareggio con la Juventus e la vittoria con la Fiorentina fuori casa. Lecito ipotizzare una partita diversa. Ipotesi tramontata fin dai primi minuti di gioco con un ritmo lento lento con poche, pochissime fiammate.

Racimolare qualche occasione gol degna di questa nome è così impresa ardua. Al 4’ ci prova Lapadula, Sepe a terra non ha problemi a fermare la conclusione. Al quarto d'ora, sul fronte opposto, Cornelius appoggia per Gervinho ma l'ivoriano, tradito dal rimbalzo del pallone, mette altissimo. Più nulla poi fino alla mezz'ora quando Kurtic dal limite dell'area si vede deviare in angolo il tiro dal polpaccio di Tuia. Al 37’ invece ci prova ancora Lapadula ma la palla finisce alto. La ripresa si apre con l'innesto nel Parma di Brunetta per Karamoh. L'argentino non inciderà, come nel primo tempo non aveva inciso l'attaccante francese sostituito. Prova così a fare la partita il Benevento. Al 3’ l'ex Caprari conclude centralmente, pochi minuti ecco Improta con la palla resa scivolosa dalla pioggia che obbliga Sepe a salvarsi in angolo. La partita scivola senza sussulti sino al 26' quando Ionita è bravo a proteggere la palla in area piccola evitando la possibile deviazione di Cornelius su assist di Gervinho. Sepe è ben piazzato invece al 32’ quando ancora Improta di testa mette fra i palo. Pochi secondi dopo invece è Lapadula ad andare al tiro, ma la palla finisce fuori come al 34’ la conclusione di Insigne. Finisce così 0-0, se ci fosse stato il pubblico alla fine non avrebbe certo apprezzato.

Ultimo aggiornamento: 21:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA