Spal-Benevento 1-2, Fabio Cannavaro: «Prova di spessore, ringrazio i miei giocatori»

Capellini goleador a sorpresa: «Lo dedico alla mia ragazza»

La grinta Fabio Cannavaro in panchina
La grinta Fabio Cannavaro in panchina
di Oreste Tretola
Sabato 12 Novembre 2022, 17:49 - Ultimo agg. 19:42
3 Minuti di Lettura

Fabio Cannavaro batte l’amico De Rossi e trova i tanti agognati primi tre punti sulla panchina del Benevento. «Ho ringraziato i ragazzi per come si sono sforzati nell’ultimo periodo – ha dichiarato il tecnico nel post match - Oggi non sono sorpreso dalla prestazione. Anche in emergenza questa squadra poteva giocarsela con chiunque. Nonostante lo svantaggio dopo dieci minuti, i ragazzi hanno continuato a giocare come gli chiedevo. Abbiamo sempre avuto il pallino del gioco. Tra il primo e il secondo tempo ho preferito non cambiare e ho detto ai ragazzi che se avessimo continuato così bene avremmo vinto». L’allenatore si è soffermato poi sulla imminente sosta che gli permetterà di riavere pedine importanti: «Ora dobbiamo lavorare ancora di più perché la strada è lunga. Dopo la sosta c’è un match delicato contro il mio amico Pippo. Tutte le partite sono difficili e questa squadra deve crescere ancora fisicamente. Ora sto iniziando a vedere ciò che desidero e mi piace». 

Dopo la vittoria al Mazza ha parlato anche uno dei leader, Pasquale Schiattarella: «Finalmente siamo tornati a vincere, tre punti importantissimi e meritati per come stiamo lavorando – ha dichiarato l’ex Latina - Il 99,9% del risultato odierno è merito del mister, è una persona che ci ha portato grande serenità, lavorando sulla testa di ognuno di noi. Anche oggi al primo tiro in porta abbiamo preso gol ma abbiamo fatto noi la partita per tutti i 97 minuti. Volevamo fortemente la vittoria. Con la sosta recupereremo infortunati ed energie. Anche io ho bisogno di ricaricarmi, ma più si invecchia e più bisogna allenarsi. La sosta servirà a tutti per preparare il match di Reggio».

Decisivo per il risultato il difensore Riccardo Capellini che si è visto annullare un gol dopo review al Var, ma ha poi siglato l’1-1: «Il secondo gol è stato più fortunato del primo che era stato invece più cercato. Lo dedico alla mia ragazza che era qui a vedermi. I tre punti di oggi sono per i tifosi che ci seguono e supportano sempre ed ovunque – ha detto l’ex Mirandés - Speriamo di continuare così, ci meritiamo il meglio. La pausa servirà per ricaricare le pile, ci aspetta un finale di prima parte di campionato impegnativo. Cerco di imparare e rubare qualcosa dai compagni esperti come Glik, sono molto fortunato di avere questa opportunità e voglio migliorare continuamente. Ad inizio stagione non ho fatto benissimo perché non ero al meglio fisicamente; ho lavorato per crescere il più possibile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA