Udinese, la prima di Tudor:
«A Benevento la gara della svolta»

Sabato 28 Aprile 2018
«C'è un pò di depressione, ansia e di stanchezza mentale e non è strano dopo 11 sconfitte. Ho fatto quello che potevo in poco tempo, sia sul campo che nella mente dei giocatori. Dobbiamo reagire, essere tosti perché dobbiamo fare risultato». Il neo allenatore dell'Udinese Igor Tudor sprona la squadra in vista della delicata trasferta di Benevento. «Abbiamo fatto solo tre-quattro allenamenti, ma domani mi aspetto una buona prestazione. Dobbiamo essere solidi e con un'idea che ho provato a trasmettere -aggiunge il 40enne tecnico croato-. È chiaro a tutti che la classifica del Benevento non è giusta. Hanno vinto anche l'ultima partita a San Siro contro il Milan, giocano un bel calcio, sono sereni e hanno il vantaggio del fattore campo. Ai ragazzi ho detto che devono guardarsi allo specchio, pensare a noi e guardare solo al risultato. La cosa più importante è pensare alle cose concrete e guardare alla prestazione. È questo il mio input, poi speriamo bene domani». «Io ho lavorato su tutto -prosegue Tudor-. È chiaro che ci sia un blocco mentale, ma dobbiamo lavorare anche sulla tattica e sul fisico. Il calcio è così, un insieme di cose. Serve fare risultato perché porterebbe serenità anche nel lavoro». Ultimo aggiornamento: 16:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA