Milan, Pioli sfida l'Atalanta: «Il campionato è ancora aperto. Leao? Importante l'allenamento di oggi»

Domani l'Atalanta, mercoledì il Newcastle in Champions

Milan, Pioli sfida l'Atalanta: «Il campionato è ancora aperto. Leao? Importante l'allenamento di oggi»
Milan, Pioli sfida l'Atalanta: «Il campionato è ancora aperto. Leao? Importante l'allenamento di oggi»
di Salvatore Riggio
Venerdì 8 Dicembre 2023, 12:28 - Ultimo agg. 13:15
2 Minuti di Lettura

Il Milan non vuole perdere terreno da Inter e Juventus e ha un solo obiettivo: centrare il terzo successo di fila in campionato. A Bergamo con l’Atalanta non sarà facile: «Se il campionato è aperto? Sì, mancano ancora tante partite. In campionato non può mancare la continuità, è questo il nostro obiettivo. Vogliamo arrivare almeno tra le prime quattro, ma vorremmo fare qualcosa in più», ha detto Stefano Pioli. E sull’Atalanta, il tecnico rossonero ha aggiunto: «Sono sempre partite difficili contro di loro. Lotteranno fino alla fine per i primi quattro posti. Sono una squadra completa, ha qualità e forza fisica. Servirà una prestazione di alto livello per vincere. De Ketelaere? Lo sto seguendo soprattutto in queste settimane in vista della partita di domani. Sta giocando in un ruolo più offensivo, ha qualità, l’anno scorso gli è servito per imparare qualcosa, è un giocatore di prospettiva».

Il Milan ritrova il sorriso: 3-1 al Frosinone con Jovic, Pulisic e Tomori. E Pioli scaccia i fantasmi dell'esonero

Molti gli assenti: «Per Rafael Leao è importantissimo l’allenamento di oggi. Negli ultimi giorni ha raggiunto livelli di intensità buona. Poi decideremo. Kjaer ha superato il problema, ma non si è ancora allenato in gruppo». In attacco rientra Giroud dalla squalifica, ma Pioli ha comunque un pensiero su Jovic che contro il Frosinone ha firmato il primo sigillo in rossonero: «Non ho dubbi sulle sue qualità.

Deve lavorare, deve essere intenso. Nel calcio moderno è fondamentale l’intensità, sia fisica che mentale. Se manterrà alto questo livello, darà una mano importante alla squadra».

© RIPRODUZIONE RISERVATA