Bobo Vieri meglio di tanti talk: le sue dirette Instagram con gli ex compagni sono uno show

Martedì 21 Aprile 2020 di Ernesto De Franceschi

Ieri colpi di testa e sinistro d'oro in campo con le maglie di Inter, Milan, Lazio, Juve e Atletico Madrid (tra le tante), adesso colpi di genio e battute social. La nuova carriera di Bobo Vieri, oggi 46enne, è tutta su Instagram.
La quarantena con l'amata Costanza Caracciolo e le due figlie (Isabel ha solo 20 giorni) nella sua casa nel cuore di Milano, a due passi dal parco Sempione, l'ha trasformato in una web star indiscussa.
 

 

Al mattino la (goffa) ginnastica sul terrazzo di casa. Ogni sera l'appuntamento alle 22,30 sul suo profilo ufficiale Instagram da 2,3 milioni di follower. E lì che l'ex Bobone interista invita tutti i suoi fan, sempre di più ogni giorno che passa, fino ad arrivare a quasi 50mila. Si va avanti fino a notte fonda e da lui sfilano tutti i big del calcio e dello sport. In una settimana Vieri ha parlato in diretta con Ronaldo, Totti, Inzaghi, Veron, Cassano, Di Biagio, Kallon, Adani. A fargli da spalla, quasi un duo comico, c'è l'idolo di Thohir, Nicola Ventola («Il secondo era Fresi», spiega lui) pronto a ballare, cantare e infilarsi parrucche.
In queste notti si sono visti pure Valentino Rossi e Mariano Di Vaio. E a ogni telefonata, aneddoti e curiosità a pioggia sul calcio giocato. «Ti volevo regalare i plasmon (i biscotti di cui va goloso Pippo, ndr). Te ne mando 500 confezioni, perché sei l'unico giocatore ad aver segnato al Filadelfia» scherza Bobo con l'amico Inzaghi, ricordando un vecchio Torino-Piacenza Primavera. Oppure Vieri e Ronaldo il Fenomeno. «Eri il più grande tutti, impressionante: infermabile» dice Bobo a Ronie, oggi presidente del Valladolid nella Liga. Oppure con Totti che confessa: «Sai Bobo che non sono più rientrato a Trigoria, non vado a vedere mio figlio che gioca. Non me la sento». E Vieri, incalzato da un Pupone ancora in forma campionato, che ammette ridendo: «Io sono 106 chili ora, oggi ho fatto due volte le scale per allenarmi e volevo chiamare l'ambulanza».

Nel duetto con Cassano finisce a parlare del look imbarazzante con cui Fantantonio si presentò a Madrid. Vieri e Matri? L'aneddoto è sulla prima sera al Pineta a Milano Marittima. Con Di Biagio in streaming ci scappa l'ammissione della fuga dal ritiro prima di un Inter-Modena. «Faceva troppo caldo in camera e ce ne siamo andati in pigiama». E si ride, mentre lui beve l'acqua dalla bottiglia.
Fan in visibilio social, migliaia di commenti e gente incollata al telefonino fino alle due di notte. La quarantena è anche questo.
riproduzione riservata ®

Ultimo aggiornamento: 11:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA