Cagliari-Torino 1-1: Mazzarri sorride
solo per la rovesciata di Joao Pedro

Lunedì 6 Dicembre 2021 di Francesco Caruso
Cagliari-Torino 1-1: Mazzarri sorride solo per la rovesciata di Joao Pedro

Uno a uno all'Unipol Domus Arena, Cagliari e Torino non vanno oltre il pari con l'eurogol di Joao Pedro che non è bastato ai sardi ad agganciare il quart'ultimo posto. All'autogol Carboni ha replicato proprio la rovesciata del numero 10 brasiliano, con i rossoblù che agganciano il Genoa a quota dieci e il Torino che sale a diciannove punti. 


Occasione importante dunque in particolare per il Cagliari che poteva già agguantare il quart'ultimo posto, Mazzarri inizialmente ha scelto di fare un solo cambio rispetto alla trasferta di Verona: fuori Lykogiannis, dentro Marin per un classico 3-5-2. Due i cambi per Juric rispetto al 2 a 2 con l'Empoli, con Brekalo che ha preso il posto di Praet e lo squalificato Singo sostituito da Aina. Primo tempo che è partito subito a buon ritmo nella prima mezz'ora di gioco con i sardi a rispondere colpo su colpo ai granata. Proprio due minuti dopo il trentesimo la rete che ha sbloccato il match, frutto di una collaborazione involontaria di Cragno. Al trentaduesimo minuto il portiere di Fiesole si è fatto sfuggire un tiro non irresistibile di Pobega con il pallone diventato un pericoloso flipper tra Sanabria e Carboni: chi tocca per ultimo? Secondo la lega calcio la rete è dell'ex Roma. Preso il colpo stavolta il Cagliari ha reagito, guidato da un Walter Mazzarri scatenato che ha chiamato subito alla concentrazione e alla scossa la sua squadra. Nonostante un Nandez in palla e una buona intesa tra Joao Pedro e Keita Baldè il primo tempo si è concluso senza grandi pericoli per Milinkovic-Savic

Juric a inizio secondo ha sostituito saggiamente l'ammonito Pobega con Baselli: non la migliore partita per il prodotto di casa Milan. Cagliari partito subito fortissimo e premiato al cinquantatreesimo minuto: super rovesciata di Joao Pedro con Milinkovic-Savic che stavolta non ha potuto fare nulla. Il portiere serbo era stato autore di una grandissima parata sul colpo di testa proprio del brasiliano pochi minuti prima del gol del pari. Tanti cambi a metà ripresa, Juric e Mazzarri hanno puntato sui "bomber di scorta" Zaza e Pavoletti con il risultato involontario di addormentare la partita. Al minuto numero ottantuno il lampo di Praet che solo davanti a Cragno si è fatto ipnotizzare dal portiere. Nel finale di gara sembravano infatti i granata ad averne di più con Zaza e Baselli a sfiorare nuovamente il gol a otto e cinque minuti dalla fine.

Al novantaquattresimo minuto l'uno a uno finale non accontenta nessuno. Il Cagliari perde la possibilità di mettersi almeno per un turno nella zona di "galleggiamento" ma aggancia comunque il Genoa e il Torino perde l'occasione di avvicinare il "treno Europa", distante adesso sei punti. 
 

Ultimo aggiornamento: 23:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA