Mondiali, il Camerun protesta contro il Var e minaccia di lasciare il campo. La Francia ai quarti, battuto il Brasile

Domenica 23 Giugno 2019
La partita degli ottavi di finale dei Mondiali femminili fra Inghilterra e Camerun, a Valenciennes, ha rischiaro seriamente di finire prima del previsto. Infatti le giocatrici della nazionale africana per due volte hanno minacciato di abbandonare il campo per protesta contro le decisioni prese dall'arbitra cinese Qin Liang dopo essersi consultata con le colleghe alla Var. L'Inghilterra passa in vantaggio al 14' con Houghton, poi raddoppia allo scadere del primo tempo con White e a questo punto è il caos. Infatti la rete, annullata per fuorigioco, viene successivamente convalidata dopo la consultazione della Var: le giocatrici del Camerun non ci stanno e protestano in campo rifiutandosi di riprendere il gioco e anche il loro ct è furioso e fa cenni che il gioco non deve essere ripreso.

Motivo della protesta è la bandierina alzata un pò troppo in fretta dalla guardalinee, che avrebbe tratto in inganno le giocatrici camerunensi che si sono fermate senza contrastare l'azione delle inglesi. Da qui la protesta sfociata in un capannello di tutte le giocatrici a metà campo, mentre l'arbitra intimava loro di riprendere a giocare. Dopo oltre 6 minuti di recupero dovuti al 'rifiutò del Camerun, si è tornati a giocare. Ma è di nuovo caos ad inizio ripresa, perché Nchout segna il gol che riaprirebbe il match, ma la Var interviene nuovamente, ancora in sfavore del Camerun. Il fuorigioco segnalato manda di nuovo su tutte le furie le camerunesi che minacciano di lasciare il terreno di gioco e protestano in modo veemente contro la terna arbitrale. Dopo qualche minuto la partita è poi ripresa, e allo scoccare del 90' Qin Liang ha dato sette minuti di recupero per tutto il tempo che si era perso
Ultimo aggiornamento: 23:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA