Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Allo Chape la Coppa Sudamericana, Gudjohnsen e l'arbitro olandese commuovono il mondo

Martedì 6 Dicembre 2016
Allo Chape la Coppa Sudamericana, Gudjohnsen e l'arbitro olandese commuovono il mondo

Il mondo piange ancora la Chape ma esulta con quel gruppo di ragazzi che inseguiva un sogno e che ha visto finire la propria vita proprio a un passo dall'obiettivo. La Conmebol (la Confederazione sudamericana di calcio) ha dichiarato oggi la Chapecoense campione della Coppa Sudamericana a sei giorni dalla tragedia aerea che ha visto coinvolto il club brasiliano e che è costato la vita alla maggior parte della squadra. La Conmebol ha accolto la richiesta della società colombiana Atletico Nacional che avrebbe dovuto sfidare la Chapecoense in finale.
 




All'Atletico Nacional è stato riconosciuto un premio per il fair play e riceverà una somma di un milione di dollari, mentre alla Chapecoense andranno i due milioni che spettano al vincitore e che serviranno per iniziare a ricostruire la società. Martedì 29 novembre l'aereo che stava portando la Chapecoense a Medellin dove avrebbe disputato la prima finale della sua storia in una competizione internazionale si è schiantato al suolo. Nell'incidente sono morti 19 giocatori, tutto lo staff tecnico e diversi dirigenti tra cui il presidente. «Assegnare il titolo alla Chapecoense ha dichiarato il presidente del Conmebol, il paraguayano Alejandro Dominguez, in una nota, è un modo per onorare questa grande perdita, un omaggio alle vittime di questo tragico incidente».
 


La tragedia della Chape ha colpito non solo i brasiliani, ma tutto il mondo. Nelle ultime ore si fa sempre più insistente l'ipotesi di un approdo di Ronaldinho, attualmente svincolato, in quel di Chapeco. E nella nuova squadra che verrà allestita c'è anche un'altra candidatura illustre: quella di Eidur Gudjohnsen, considerato da tutti il miglior calciatore islandese di tutti i tempi.
 


L'attaccante, 38 anni, svincolato dopo gli Europei in Francia, ha espresso il desiderio di far parte della rinascita della squadra: «Con tutto il rispetto, se ci fosse posto per me, mi piacerebbe giocare per lo Chapecoense. E sarebbe bello giocare ancora con Ronaldinho». Il fantasista brasiliano e la punta islandese, infatti, hanno condiviso l'esperienza al Barcellona.



Intanto, dall'Olanda giunge la notizia di un arbitro premiato come miglior giocatore della settimana dalla Federcalcio 'Orange'. Jochem Kamphuis, infatti, ha ricevuto il plauso generale per non aver ammonito il brasiliano Nathan, che dopo un gol si era tolto la maglia del Vitesse per mostrare quella con lo stemma dello Chape. Dopo la gara, il direttore di gara aveva spiegato: «Sapevo che era molto scosso, alcuni di quei calciatori erano suoi amici. Ho semplicemente fatto finta di niente, mi è sembrato giusto».

Ultimo aggiornamento: 13:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA