Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Eriksen dalla paura al Manchester:
la firma con lo United è a un passo

Lunedì 4 Luglio 2022
Christian Eriksen, dalla paura al Manchester United: la firma è a un passo

Sono passati 13 mesi. Questo è il periodo che è servito a Christian Eriksen per ripartire da zero e tornare sul tetto del calcio eruopeo. Tredici mesi da quella maledetta partita con la sua Danimarca a Euro 2020, dove il mondo per un istante si è fermato insieme al suo cuore. Adesso Christian Eriksen dopo un periodo in purgatorio è pronto a tornare in una delle big della Premier League. La sua firma con il Manchester United è a un passo. 

Leggi anche > Roma, c'è Isco per il dopo Mkhitaryan: svincolato dal Real, potrebbe arrivare a parametro zero

 Secondo The Athletic, la più autorevole newsletter britannica sul mondo del calcio l'accordo tra il danese e il Manchester United è ormai cosa fatta: un contratto di tre anni lo legherà ai Red Devils. Lo ha voluto fortemente il nuovo allenatore dei Diavoli rossi, l'olandese Erik Ten Hag, profeta del possesso palla e del calcio propositivo, che vuole farne il cuore di un gioco dinamico, aggressivo, ricercato. 

Dopo sei mesi Con la maglia del Brentford, l'ex Inter, è pronto a calcare i palcoscenici importanti del calcio inglese e non solo. Il Manchester United di Cristiano Ronaldo e Pogba, la scorsa stagione non è riuscito a centrare l'obiettivo Champions League, ma per Christian Eriksen tornare a indossare una maglia di una big è il primo successo di una seconda parte di carriera e di vita che fino a qualche mese fa sembrava impensabile.

Per tornare a giocare a calcio, Eriksen ha dovuto abbandonare l'Inter. Lo scudetto targato Conte e Lukaku è passato anche dalle sue giocate e dai suoi piedi. Ma il defibrillatore sottocutaneo con il quale ha avuto la possibilità di tornare a indossare gli scarpini non è ammesso in Serie A e, per questo, ha scelto di ripartire dalla Premier League. Passati i pareri dei medici e i mesi di riabilitazione il 26 febbraio ha giocato la sua prima partita ufficiale dopo il malore, con la maglia del Brentford. Una settimana dopo la prima da titolare. Il 2 aprile persino il primo gol. Ora, un nuovo contratto in arrivo. Per mettere nero su bianco che Christian Eriksen è rinato e può tornare a fare quello che sa fare meglio: giocare a pallone.

Ultimo aggiornamento: 20:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA