Da Inzaghi a Gasp, da Pioli a Lucio:
la lunga attesa della prima volta

Lunedì 3 Gennaio 2022 di Alessandro Angeloni
Da Inzaghi a Gasp, da Pioli a Lucio: la lunga attesa della prima volta

C’è sempre una prima volta, coraggio. Si preparino i signori Simone Inzaghi, Stefano Pioli, Luciano Spalletti e Gian Piero Gasperini. A meno di sorprese, di clamorosi ribaltoni di classifica, uno di loro vincerà uno scudetto per la prima volta. C’è chi l’ha sfiorato, come Spalletti ai tempi della Roma, c’è chi l’ha sognato come Inzaghi, con la Lazio, quando il calcio ha chiuso per Covid, la sua squadra era vicino alla Juve e chissà, senza la pandemia... C’è chi come Pioli e Gasperini hanno cominciato a pensarci davvero, dopo anni di praticantato fatto di tanti complimenti e zero successi. Quest’anno sì, ci pensa anche l’Atalanta, l’impressione è che siano ancora un po’ più avanti le concorrenti. Una bella storia quella di Simone Inzaghi, scappato dalla Lazio dove è cresciuto e si è formato per accettare una sfida - in teoria - a perdere: l’Inter scudettata orfana di Antonio Conte, Romelu Lukaku e Achraf Hakimi, a lui il compito di ricostruire. L’Inter si trasforma, è una roccia: oggi guarda tutti dall’alto al basso. Simone ha conquistato lo spogliatoio ha ridato vita a Dzeko, che a Roma ormai era perso, ha riportato la squadra agli ottavi di finale di Champions dopo dieci anni e ora si gioca il campionato, da favorita. All’attivo, nel palmares di Simone, due Supercoppe italiane (2017-2019), una Coppa Italia (2019). Scudetto, no: tabù.  

Video

Stefano Pioli insegue a meno 4, e non molla: la ricostruzione del Milan passa dalle idee di questo ieratico tecnico di Parma, molto spesso sottovalutato. Lui, tante esperienze positive in passato, vittorie zero. Ha allenato anche qualche big, tra queste la Lazio e l’Inter, tra grandi squilli e cadute estreme. Al Milan sembra aver trovato il suo luogo del mondo, ha fatto uscire i rossoneri dall’anonimato e ora si programma, non si improvvisa. Stefano oggi è padrone del Milan, gli ha dato un gioco e ambizione, se non in Europa (eliminato dalla Champions) almeno in Italia. Ed è lì, a sperare. Luciano Spalletti è l’unico scudettato, ma la sua soddisfazione è oltre i nostri confini: il titolo lo ha vinto in Russia, con lo Zenit. Due per l’esattezza, più una coppa di Russia e una Supercoppa nazionale. In Italia è fermo ai successi con la Roma, ormai datati: due Coppe Italia (2007-2008 e una Supercoppa (2007, anno in cui vinse il premio come migliore allenatore). Lo scudetto è il grande rimpianto e con la sua Roma lo avrebbe pure meritato, lottando punto a punto contro la corazzata Inter, allenata da Roberto Mancini. Lucio si è distinto anche come tecnico dell’Inter, riportandola in Champions, ma lo scudetto è ambizione di adesso, al Napoli. Dopo l’avvio impressionante, con le otto vittorie di fila, si è fermato davanti agli imprevisti: gli infortuni, il Covid, le tante assenze lo hanno fatto scivolare al terzo posto, a sette punti dall’Inter. C’è tempo, però. L’importante è crederci e non perdere la testa. Gian Piero Gasperini forse avrà pensato ai grandi traguardi quando, nel 2011 Moratti gli affidò la panchina dell’Inter. Gasp sbatte contro un muro, non era pronto: sconfitto dal Milan in Supercoppa italiana e dopo 3 sconfitte in quattro partite in A, viene esonerato. Solo dal 2016, quando torna ad allenare l’Atalanta (dopo le esperienze di Palermo e Genoa), raddrizza la schiena e la carriera. E se oggi sogna di poter competere per lo scudetto, il suo lavoro ha un suo perché. Quattro “novizi” lottano e ci credono, poi dietro ci sono i santoni che inseguono e arrancano. Il primo è Max Allegri (cinque scudetti con la Juve e uno con il Milan, oltre a varie coppe nazionali, 7 tra Supercoppe e Coppe Italia), poi c’è Mourinho (un titolo con l’Inter, che poi ha festeggiato il triplete) e Sarri (campione d’Italia con la Juve): tutti ad oggi sono lontani dalla lotta per lo scudetto. Ma il problema riguarda solo la Juve, quella per cui vincere è l’unica cosa che conta. A Sarri (Lazio) e Mourinho, nessuno lo ha chiesto

© RIPRODUZIONE RISERVATA