La Fifa contro la Superlega:
«Chi gioca escluso da altri tornei»

Giovedì 21 Gennaio 2021
La Fifa contro la Superlega: «Non sarebbe riconosciuta e i giocatori sarebbero esclusi dalle competizioni »

La Fifa chiude le porte alla Superlega. In un comunicato congiunto con l'Uefa e le altre cinque federazioni continentali, la Fifa ha spiegato che i calciatori che dovessero aderire a una eventuale Superlega europea tra i club più importanti, non potranno partecipare ai Mondiali e a nessuna competizione organizzata dalla Fifa e dalle singole confederazioni. E quindi niente Europei, Champions ed Europa League solo per restare nel nostro continente.

«In merito ai recenti rumors riguardo alla creazione di una “Super League” europea chiusa da parte dei principali club del Vecchio continente, la FIFA e le sei confederationi (AFC, CAF, CONCACAF, CONMEBOL, OFC and UEFA) reiterano il fatto che questa competizione non sarebbe riconosciuta dalla Fifa non verrebbe riconosciuta da FIFA o dalle sei confederazioni e ogni giocatore coinvolto non potrebbe partecipare a competizioni organizzate da FIFA o dalle sei confederazioni». 

«Secondo lo statuto della FIFA e delle confederazioni, tutte le competizioni dovrebbero essere organizzate o riconosciute dall’ente competente al loro rispettivo livello, dalla FIFA a livello globale e dalle confederazioni a livello continentale. A questo proposito – continua la nota - , le confederazioni riconoscono il Mondiale per club organizzato dalla FIFA, nel suo formato attuale e nuovo, così come la FIFA riconosce le competizioni organizzate dalle confederazioni come le uniche competizioni continentali per i club». 

Il Board dell'European Leagues «ha discusso l'iniziativa di alcune società calcistiche europee di creare una Superlega europea chiusa per un numero limitato di club simile a quei modelli di franchigie che ci sono in Nord America. La Uefa e le altre Confederazioni calcistiche di tutto il mondo, insieme alla Fifa, hanno pubblicato una forte dichiarazione contro questa iniziativa e le nostre leghe affiliate sostengono all'unanimità tale dichiarazione». È quanto rende noto l'European Leagues dopo la dura presa di posizione di Fifa, Uefa e altre confederazioni che affermano che «qualsiasi club o giocatore coinvolto in questa competizione non sarà permesso di partecipare a quelle organizzate dalla Fifa e dalle rispettive confederazioni». «Il modello sportivo europeo si basa sul merito sportivo, promozione e retrocessione con qualificazione a competizioni internazionali per club tramite competizioni di campionato nazionale. Nella piramide del calcio europeo, ogni giocatore ha l'opportunità di giocare in un club che può qualificarsi dalla base della piramide fino ai vertici del calcio professionistico. Questa è la base del modello e la ragione principale del successo del calcio», prosegue l'European Leagues. «Siamo determinati a proteggere il modello esistente e il modo in cui il calcio è organizzato in Europa e il modo in cui l'industria lavora per il calcio professionistico. Tutte le associazioni calcistiche e le leghe professionistiche in Europa stanno riconoscendo e seguendo gli statuti della Fifa e della Confederazione, e questo ci guiderà nelle nostre azioni per fermare questa iniziativa. Se verrà messa in atto, coordineremo le nostre misure con Uefa, Fifa e Confederazioni», ha spiegato il presidente dell'European Leagues Lars-Christer Olsson.

Ultimo aggiornamento: 16:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA