Il guardalinee e la foto del papà morto:
la dedica speciale in Champions

Lunedì 24 Agosto 2020 di Domenico Zurlo
Il guardalinee Manganelli e la foto del papà morto: la dedica speciale durante la premiazione della Champions
La finale di Champions League di ieri sera che ha visto trionfare il Bayern Monaco per la sesta volta nella sua storia, ai danni del Paris Saint-Germain, è stata arbitrata da un team arbitrale tutto italiano: Daniele Orsato coadiuvato dai guardalinee Alessandro Giallatini e Lorenzo Manganelli. E durante la cerimonia finale di premiazione, proprio quest'ultimo, Manganelli, si è reso protagonista di un gesto commovente.

Mentre sfilava a fine match per ritirare la sua medaglia infatti, l'assistente di Orsato è passato davanti alla telecamera stringendo tra le mani una foto, che ha mostrato al cameraman: nella foto c'era suo padre, anche lui arbitro come lui e da cui il guardalinee toscano ha ereditato la stessa passione, scomparso due mesi fa. Un traguardo, quello della finale di Champions (lo scorso anno aveva invece fatto parte della terna che aveva arbitrato la finale di Europa League) di cui suo papà sarebbe certamente stato orgoglioso: e quel gesto, il mostrare la sua foto a favore di telecamera, è certamente commovente.

Storia simile quella di Riccardo Trevisani, apprezzato telecronista di Sky Sport, che per la prima volta in carriera ha commentato una finale di Champions League (negli anni scorsi, diritti tv permettendo, territorio della storica voce di Sky Massimo Marianella). Sul suo profilo Instagram prima della partita Trevisani ha postato una foto con il commentatore Lele Adani, sua spalla ormai da anni, e la didascalia «Ciao papone, guarda come mi diverto!»: anche lui infatti ha perso da poco il papà. Era lo scorso febbraio quando, sempre sui social, gli dedicò un post per dirgli addio, con una foto che lo ritraeva con lui ancora bambino.  Ultimo aggiornamento: 18:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA