Inter, problemi in Cina per Suning:
4 miliardi di debiti scaduti

Inter, nuovi problemi in Cina per Suning: 4 miliardi di debiti scaduti
Inter, nuovi problemi in Cina per Suning: 4 miliardi di debiti scaduti
di Salvatore Riggio
Giovedì 6 Ottobre 2022, 19:09 - Ultimo agg. 20:45
2 Minuti di Lettura

Ci sono brutte notizie per Suning dalla chiusura del bilancio annuale. La società cinese, proprietaria dell'Inter, ha chiuso in forte passivo il report al 30 giugno 2022 con alcune cifre, legate alla situazione debitoria, che preoccupano addirittura per la continuità aziendale. Come riporta «Calcio e Finanza» nella semestrale, i ricavi risultano crollati del 60%, mentre le perdite sono in aumento. Non solo. Il dato più preoccupante sono i debiti scaduti al 30 giugno per 4,2 miliardi di euro. Nel bilancio si legge che tutto questo potrebbe portare a «significative incertezze che potrebbero far sorgere dubbi significativi sulla capacità del Gruppo di continuare a operare». Per uscire da questa situazione il gruppo Suning ha stabilito che si prevedono cessioni di partecipazioni in altre società al fine di avere introiti freschi di cassa e rimborsare i debiti nei 12 mesi successivi. Conti alla mano, nel dettaglio, nella semestrale al 30 giugno i ricavi di Suning.com sono calati da 93,6 a 37,2 miliardi di yuan (circa da 13,1 a 5,2 miliardi di euro): in particolare, i ricavi delle vendite di beni sono stati pari a di 32,861 miliardi di yuan, con un calo anno su anno del 62,68%, mentre servizi e altri ricavi della società sono stati 1,193 miliardi di yuan, con un calo anno su anno del 41,10%. Diversa la situazione a livello debitorio. Al 30 giugno scorso le passività correnti (in sostanza, i debiti a breve termine) erano pari a 110,8 miliardi di RMB, circa 15,8 miliardi di euro, e superavano le attività correnti per circa 37 miliardi di RMB (circa 5,3 miliardi di euro). Insomma, una situazione non rosea.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA