Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nazionale, con la Macedonia dramma sportivo come contro la Svezia: ora è tempo di rivoluzione

Giovedì 24 Marzo 2022 di Alessandro Angeloni
Nazionale, con la Macedonia dramma sportivo come contro la Svezia: ora è tempo di rivoluzione

dal nostro inviato 

Si chiama dramma. Dramma sportivo. L’Italia torna nell’incubo vissuto a novembre del 2017, quando la Svezia spazzò via la Nazionale di Ventura dal Mondiale in Russia. Questa fa più male, perché la Nazionale di Mancini la scorsa estate era riuscita a stupire tutti, trionfando all’Europeo, battendo l’Inghilterra a Wembley in finale. Una caduta rovinosa, questa, che nessuno si attendeva, ma i segnali di un calo preoccupate si erano notati da tempo, quando al momento decisivo, la doppia sfida contro la Svizzera, è stata fallita. I due rigori sbagliati da Jorginho fanno male come pugni allo stomaco. E quel fallimento ha portato l’Italia a questi spareggi maledetti e alla minima disattenzione ecco che sei fuori, di nuovo.

Il prossimo Mondiale, l’Italia, se va bene, lo rivedrà dodici anni dopo quell’infausto pomeriggio di Natal, luglio del 2014, in Brasile: l’Italia di Prandelli eliminata agli ottavi, via il ct e via il presidente federale Abete. Il calcio italiano, già in crisi, subisce una botta economica e tecnica da cui sarà difficile riprendersi a breve. Cala l’appeal della Nazionale, calano gli sponsor e i tesserati, numeri con i quali la Figc dovrà presto fare i conti. Mancini ha avviato un percorso virtuoso e ora nemmeno lui sa se varrà la pena di continuare o meno. Gravina, il presidente federale, ha già detto che non si dimetterà. Di sicuro la Nazionale andrà incontro a una rivoluzione, via i senatori, utili per l’ultima vittoria e che sono arrivati scarichi a questo appuntamento. L’Italia si è persa per strada. E non lo abbiamo capito certo qui a Palermo.

Ultimo aggiornamento: 25 Marzo, 10:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA