Juve-Inter, rigori e polemiche:
accuse in campo e sui social

Giovedì 12 Maggio 2022 di Salvatore Riggio
Juve-Inter, rigori e polemiche: da Brozovic ad Allegri, caos e accuse in campo (e ora sui social)

Non è un derby d’Italia senza polemiche da aggiungere al lunghissimo capitolo della rivalità, sportiva si intende, tra Inter e Juventus. La saga continua con la finale di Coppa Italia disputata nel meraviglioso scenario dell’Olimpico di Roma. Il successo della squadra di Simone Inzaghi – ha bissato quello di Supercoppa Italiana a San Siro il 12 gennaio, sempre ai supplementari contro i bianconeri – non è proprio andato giù alla Juventus, che contesta alcune decisioni arbitrali di Valeri. Quella più burrascosa è stata sicuramente al minuto 56, in occasione del giallo a Brozovic per un fallo tattico su Dybala.

 

Appena si vede sventolare l’ammonizione, il croato lancia il pallone lontano e dalla panchina (così come i giocatori in campo) Massimiliano Allegri è furente e chiede l’espulsione del centrocampista. Valeri spiega la decisione al tecnico bianconero, che sembra capire quanto ascoltato dal direttore di gara. Ma la partita si infiamma – e davvero non poteva essere il contrario – quando al 78’ viene concesso il primo rigore all’Inter, trasformato da Calhanoglu per il 2-2. Tra i tifosi juventini c’è chi contesta il comportamento di Lautaro Martinez, che sembra agganciare con il piede Bonucci, poco dopo la spinta di de Ligt.

Allegri perde la testa in Juve-Inter: litiga con la panchina di Inzaghi e viene espulso

Juventus-Inter, le pagelle: de Ligt un disastro (4), Perisic decisivo. Allegri flop

Da quel momento si scatena il putiferio nelle due panchine. Con Allegri che se la prende con Massimiliano Farris, il vice di Inzaghi. I due vanno addirittura testa a testa. Tanto che Allegri viene ammonito e poi cacciato al minuto 104, durante il primo tempo supplementare. Per poi denunciare di aver preso una pedata. Nel frattempo, i social – come sempre in questi casi – sono diventati un campo di battaglia di rabbia e frustrazione. Resta la vittoria dell’Inter, che ora andrà a Cagliari per restare aggrappato al treno scudetto, con il Milan impegnato qualche ora prima a San Siro con l’Atalanta. Adesso a 180’ dalla fine nessuno può davvero sbagliare.

Ultimo aggiornamento: 23:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA