Juve, Agnelli dopo scudetto di Sarri:
«È stata una stagione di m...a»

Giovedì 25 Novembre 2021 di Alberto Mauro
All or Nothing Juve, Agnelli alza la voce: «L'ultima è stata una stagione di m...a». Scintille nello spogliatoio Ronaldo - Cuadrado

Frammenti di Juve, ad altissima intensità. Il debutto (oggi) della serie Amazon Prime “All or Nothing” ha regalato uno spaccato di Juventus mai vista. Con i dietro le quinte della stagione di Pirlo, chiusa con due trofei ma senza scudetto, tra gioie, discussioni, nervosismo e  uno spogliatoio sotto i riflettori. Si parte da Andrea Agnelli, che presentando il nuovo allenatore alla squadra non usa mezzi termini per definire la stagione precedente - quella di Sarri - compromessa dal Covid-19. «Se guardo l’anno scorso, al di là dei risultati sportivi - ve lo dico dal cuore -, è stato un anno di m…a. Qualcuno anche qui dentro non ha dato tutto quello che doveva. Se penso a tutti gli sforzi che hanno fatto le donne e gli uomini della Juventus. Noi siamo 800, si va in campo in 800, si vince e si perde in 800. Abbiamo fatto una scelta in cui credo tantissimo che è quella di Pirlo, ora sta nel gruppo seguirlo, chiunque cercherà di toccare anche uno solo di voi, prima passerà sul mio corpo. Al resto pensateci voi».

Avanti veloce, fino alla rabbia di Bonucci che ribalta lo spogliatoio nell’intervallo di Juventus - Benevento. «Se vogliamo vincere lo scudetto non possiamo giocare così, siamo tutti delle m…e se giochiamo così, assumiamoci le responsabilità della partita di m…a che stiamo facendo». Nulla a confronto con la furia europea di Cristiano Ronaldo, abituato a ben altri traguardi in Champions; nell’intervallo della brutta partita contro il Porto, il portoghese è incontenibile e nasce un battibecco con Cuadrado. «Dobbiamo impegnarci di più», grida Ronaldo. «Stai tranquillo, tu devi essere un esempio per tutti», replica Cuadrado. «Anche io ho giocato di m…a, anche io sono incluso - ammette CR7 -. Dobbiamo dirci la verità. Questa è una partita di Champions, dobbiamo tirare fuori la personalità», ci pensa Pirlo a rasserenare gli animi, prima del ritorno in campo per il secondo tempo.

Ultimo aggiornamento: 18:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA