Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Juve, Allegri non ha dubbi:
«Pogba e Di Maria alzano il livello»

Martedì 12 Luglio 2022 di Alberto Mauro
Juve, Allegri non ha dubbi: «Pogba e Di Maria alzano il livello»

C’è voglia di ricominciare alla Continassa, tra vecchi amici che si ritrovano e giovani campioni al passo d’addio. Alla presentazione della tournée in USA Max Allegri fa il punto in casa Juve, con l’obiettivo di tornare a vincere, dopo l’ultima stagione senza trofei. «Ora De Ligt è ancora della Juve, si sta allenando bene. In questo momento è della Juventus, ma il mercato è aperto fino al 31 agosto, se partisse saremmo pronti a sostituirlo nel modo migliore. Arthur, Chiesa e Kaio Jorge che sono infortunati e non partiranno per la tournée. L’anno scorso siamo partiti per vincere ma non ci siamo riusciti. Gli innesti di Pogba, Di Maria, Gatti, il recupero di Chiesa e McKennie: sarà una Juve più competitiva, dobbiamo fare di tutto per portare a casa il campionato e fare bene in Champions». Pogba e Di Maria sono i due punti fermi della nuova Juve di Allegri, decisivi per la crescita dei giovani bianconeri: «Entrambi alzano il livello della squadra e deresponsabilizzano i più giovani. Migliorano il livello tecnico e sono contento che siano arrivati. Paul è arrivato nel modo giusto, con grande voglia e determinazione e voglia di vincere. Negli ultimi anni non ha giocato ai suoi livelli. Alla Juve è tornato a casa, potrà darci una mano perché è superiore a livello fisico». Ultimo pensiero per Chiesa, in fase di recupero post infortunio ma ancora non a pieno regime: «Torna a metà settembre, poi quando ci sono questi infortuni vado molto cauto. Avremo due mesi di sosta da novembre a gennaio e sarà un vantaggio per lui per averlo al 100% da gennaio in poi».

Ultimo aggiornamento: 19:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA