Juventus, cosa cambia ora? Da Scanavino e Ferrero a Del Piero e Nasi: ecco la nuova squadra di John Elkann

Sarà una dirigenza più tecnica ed esperta a livello amministrativo

Juventus, cosa cambia ora? Da Scanavino e Ferrero a Del Piero e Nasi: ecco la nuova squadra di John Elkann
Juventus, cosa cambia ora? Da Scanavino e Ferrero a Del Piero e Nasi: ecco la nuova squadra di John Elkann
di Alberto Mauro
Martedì 29 Novembre 2022, 11:51 - Ultimo agg. 13:06
2 Minuti di Lettura

Non c’è quiete dopo la tempesta e le dimissioni dell’intero CdA della Juventus nella serata di ieri, piove sulla Continassa dove si sta già lavorando per definire i nuovi vertici dirigenziali, in quello che rischia di essere uno dei momenti più critici dell’ultimo decennio, tra i bilanci in rosso di più di 250 milioni di euro, l’indagine Prisma e le contestazioni della Consob sui conti bianconeri.

La nuova Juventus

Ma quale Juve sopravviverà alla rivoluzione di novembre? Già annunciato il nuovo dg Maurizio Scanavino, 49 anni, ad e dg del gruppo Gedi, braccio destro proprio di John Elkann confermato anche in futuro. Mentre il nuovo presidente ad interim sarà Gianluca Ferrero, commercialista, revisore, e amministratore e uomo di fiducia di Elkann.

Una dirigenza più tecnica ed esperta a livello amministrazione per affrontare i guai giudiziari dei prossimi mesi, per la presidenza i tifosi sognano un ritorno in pompa magna di Alessandro Del Piero o un nome forte come Lapo Elkann, mentre non è da escludere la candidatura forte di Alessandro Nasi come ad, al posto di Maurizio Arrivabene, così come quelle di Evelina Christillin e Suzanne Keywood nella futura dirigenza.

 

Il campo: Allegri confermato

Al momento nessuno scossone per quanto riguarda il campo, Allegri confermato in panchina con responsabilità crescenti sulla parte sportiva, così come Cherubini nel ruolo di ds, lo scenario più suggestivo porta al ritorno di Beppe Marotta, soprattutto nel caso di cessione dell’Inter, mentre non è da escludere un prossimo ritorno alla base di bandiere del calibro di Chiellini e Buffon. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA