La Juventus sbatte sul baby Turati:
solo 2-2 in casa col Sassuolo

Domenica 1 Dicembre 2019
Ci sono 22 punti di differenza in classifica ma non si vedono. Il Sassuolo di De Zerbi imbriglia la Juve e domina per buona parte della partita, sulle ali di Caputo, Boga e del baby Turati, un debutto da protagonista. La Juve è distratta, in affanno, ne approfittano i neroverdi che tornano a casa con un punto d’oro, ma avrebbero meritato anche di più. La Juve va in vantaggio, poi pasticcia, prende due gol e la riagguanta nel finale con un rigore (netto) trasformato da Ronaldo. L’ultima rete in bianconero di CR7 risaliva allo scorso 30 ottobre (sempre su rigore) contro il Genoa. All’Allianz il Sassuolo fa la partita e fa tremare i bianconeri, poco dinamici e un po’ svuotati a livello fisico e mentale dalla Champions. Il vantaggio di Bonucci dopo 20 minuti su tiro deviato da fuori illude. Poi è praticamente solo Sassuolo fino al minuto 80. La squadra di De Zerbi non smette di giocare, domina a centrocampo e sulle fasce, pressa senza sosta e la riapre con Boga, scavetto di classe dopo un dai e vai con Caputo. Poi passa addirittura in vantaggio a inizio ripresa, dopo un pasticcio di de Ligt e un errore grossolano di Buffon che spalanca la porta a Caputo, il migliore in campo. La Juve è in confusione ma non può mollare, c’è in ballo il primato in classifica con Inter – Spal alle 15. Quando falliscono gli schemi tocca ai singoli e al carattere fare la differenza, entra Dybala e la Juve si rianima. La Joya si prende un calcio di rigore netto per fallo di Romagna, Ronaldo trasforma dal dischetto. Nel finale il Sassuolo cala, dopo aver tenuto un ritmo impressionante per più di un’ora, e la Juve prova a vincerla in tutti i modi ma dall’altra parte c’è un super Turati, classe 2001, 23 anni meno di Buffon, al debutto in A. Personalità e parate sorprendenti, al fischio finale esce tra gli abbracci di tutti i compagni. Si ricorderà di questa partita a lungo, un po’ come il Sassuolo.

LEGGI LA CRONACA

LA CLASSIFICA Ultimo aggiornamento: 17:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA