Euro2020, l'Italia non finisce mai. Mancini efficace e lucido alla meta

Sabato 26 Giugno 2021 di Ugo Trani
Mancini

dal nostro inviato
LONDRA L'Italia aspetta fino ai supplementari per centrale la qualificazione ai quarti dell'Europeo (venerdì a Monaco): dopo il 2-1 contro l'Austria a Wembley, stasera conoscerà il prossimo avversario che uscirà dalla sfida tra il Belgo di Lukaku e il Portogallo di Lukaku. La promozione è meritata. Bene il 1° tempo, con la partita in pieno controllo; fiacco il 2°, con il calo improvviso di qualche protagonista. Ma i cambi di Mancini nella ripresa cambiano la storia del match. Prima Locatelli per Verratti  e Pessina per Barella, poi Chiesa per Berardi e Belotti per immobile. Mosse fondamentali. All'inizio del 1° supplementare il gran gol di Chiesa e alla fine quello di Pessina. La nazionale di Foda si toglie il gusto di segnare il 1° gol agli azzurri dopo 1169 minuti. Il record di Zoff, fermatosi a 1143, è già battuto. Così come è stato superato Pozzo. Adesso la striscia di risultati utili è di 31 partite.

ESIBIZIONE PARZIALE

Spinazzola è devastante già nel 1° tempo. E l'Italia, appoggiandosi al fluidificante di sinistra, va all'assalto. Senza sbloccare il risultato. il 4-1-4-1 dell'Austria tiene. Barella ha la sua chance, immobile prende il palo da fuori area e Spinazzola è pericoloso anche quando va a concludere. Sono meno brillanti del solito sia Berardi che Insigne. Gli azzurri, comunque, dominano fino all'intervallo. Black out, invece, nella ripresa. Gol annullato ad Arnautovic per fuorigioco (dopo check). Mancini capisce che la sofferenza è a centrocampo dove lascia in campo solo Jorginho.

CUORE GRANDE

Ancora Spinazzola all'inizio del 1° supplementare. Pennellata per Chiesa che, dopo lo stop di destro, usa il pallonetto per saltare Laimer e calcia di sinistro al volo per il vantaggio. Pessina chiude la sfida di Wenbley, dopo palla difesa in area di Pessina: è il 12° successo di fila della nazionale. Alla fine Kalajdzic fa centro: è il 1° gol preso dagli azzurri all'Europeo. L'arbitro è ancora Taylor, presente quando con l'Olanda, rete di van de Beek, cominciò la striscia record della difesa.

Ultimo aggiornamento: 27 Giugno, 01:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA