Lazio, ecco Muriqi l'attaccante su misura per Inzaghi

Lunedì 14 Settembre 2020 di Daniele Magliocchetti
Un gigante per Inzaghi. Dopo una trattativa estenuante, Vedat Muriqi è finalmente sbarcato nella Capitale. Intorno alle 14 di ieri, il neo attaccante biancoceleste è atterrato a Ciampino, maglietta bianca, pantaloni neri e un borsone in spalla carico di sogni e ambizioni. Grandi festeggiamenti per lui in aeroporto e via social, nonostante la mascherina, la torre kosovara è sorridente come non mai e subito carico: «Ho scelto la Lazio perché mi ritengo adatto per il suo stile di gioco. Sono qui per lottare, spero di avere successo». Su di lui c’è tanta curiosità e attesa, se non altro perché è il giocatore più costoso del mercato laziale: 17,5 milioni di euro più 1,5 di bonus. Quasi venti milioni che lo collocano al secondo posto dietro Zarate tra gli acquisti più onerosi dell’era Lotito. All’allenatore, anche se non ha ancora avuto modo di lavorarci, piace parecchio, il direttore sportivo Tare, invece, che lo insegue da almeno un paio di stagioni, è pronto a scommetterci ad occhi chiusi. Da ex attaccante, il dirigente albanese è convinto che sia il centravanti ideale per affiancare Immobile e completi al meglio il reparto per le sue caratteristiche. 

I SOPRANNOMI
Non inganni l’altezza, 195 centimetri, considerato che non è solo il classico bomber d’area rigore, pronto a fare a spallate per gli inserimenti di Immobile e altri, ma un giocatore tecnico (adora i colpi di tacco) che partecipa alla manovra, aiuta la squadra e si muove parecchio in mezzo al campo. Questa mattina (probabilmente insieme a Fares) svolgerà le visite mediche in Paideia e dopo firmerà un contratto di cinque anni a circa 2 milioni di euro a stagione. Non potrà essere subito a disposizione per via di uno stiramento all’adduttore della gamba sinistra rimediato durante un’amichevole, dovrebbe rientrare a fine mese, a meno che oggi non ci siano indicazioni diverse durante i controlli medici e magari recuperare prima del previsto. Nel dargli il benvenuto, la Lazio sul proprio profilo social, tramite un’emoticon l’ha definito il “Pirata”, anche se lui dai tifosi del Fenerbahce è conosciuto più come Cannibale, per via del suo amore sfrenato per la carne cruda. E’ un vero fanatico, tanto da tenere lezioni e scambiare opinioni via twitter con alcuni famosi cuochi turchi e non solo. I tifosi e lo stesso Inzaghi, non vedono l’ora di vederlo all’opera e sperano che sia più che altro un “cannibale” dell’area di rigore. 

BADELJ, È GENOA
Non solo Muriqi, la Lazio accelera per le uscite (Bastos, Wallace e Badelj vicinissimi all’addio, quest’ultimo è praticamente del Genoaù), ma per altre entrate, soprattutto in difesa. Si sonda e si tiene particolare attenzione alla pista Otamendi, ma nelle ultime ore sta andando veloce l’affare che riguarda il sudcoreano Kim Min Jae. Il giocatore spinge per arrivare nella capitale, il Beijing ha accettato l’offerta di Lotito di 13 milioni di euro più 2 di bonus. Due giorni fa, via telematica, c’è stata una riunione tra il club laziale e gli agenti del calciatore. Loro rappresentano l’ultimo ostacolo all’affare, visto che fino a un mese fa non arretravano di un millimetro sui 3 milioni e mezzo di commissioni, ma pare abbiano rivisto le loro vedute e l’operazione potrebbe chiudersi a breve.Tare ci conta tanto, visto che anche questa è una sua scoperta. Ma occhio sempre al Tottenham che, tramite Son, compagno di nazionale, sta facendo pressioni per convincere Mourinho.  © RIPRODUZIONE RISERVATA