Lotito diffida Gravina: paghi i danni,
Figc: basta bugie, è colpevole

Mercoledì 6 Ottobre 2021
Lotito diffida Gravina: «Reintegro in Consiglio Federale o paghi i danni»

Lettera di diffida dal presidente della Lazio Claudio Lotito al numero uno della Figc Gabriele Gravina, a quello della Lega Dal Pino e ai componenti del Consiglio Federale: il patron biancoceleste vuole il reintegro immediato dopo che giovedì scorso si era presentato ed era stato respinto perché la squalifica era ancora in vigore. Nella lettera Lotito invita «alla presa d'atto della decisione del collegio di garanzia presso il Coni» che cassa le sanzioni irrogate nei suoi confronti dalla corte federale di appello. «Questa vale - aggiunge - quale formale costituzione in mora per tutti danni». Alla lettera di Lotito è allegato un parere del professor Bruno Sassani, ordinario di Diritto processuale civile nell’Università di Roma “Tor Vergata”.

Lotito, l'avvocato Gentile: «La Lazio è sotto attacco di ​Lega e Figc»

Lazio, il gesto di Lotito: la società rimborsa i biglietti ai diversamente abili

La Figc: basta mistificazioni, Lotito colpevole. E lui controreplica

«Basta mistificazioni, la colpevolezza di Lotito è stata accertata»: lo dice all'ANSA una fonte qualificata della Federcalcio, dopo la lettera inviata dal presidente della Lazio, Claudio Lotito. La Figc non prende posizioni ufficiali, ma la fonte qualificata parla di «stupore nell'apprendere come nelle ricostruzioni del presidente Lotito e dei suoi avvocati si parli erroneamente di deferimento eludendo artatamente il punto 4 della sentenza del Collegio di Garanzia dello Sport,dove c'è scritto chiaramente che l'aver schierato un calciatore positivo in campo e uno un panchina rappresenta una negligenza e una responsabilità molto gravi». 

In attesa della nuova udienza della Corte Federale, fissata per il 19 ottobre, la Figc rispedisce al mittente anche l'intenzione persecutoria nei confronti di Lotito: «La sua colpevolezza è passata in giudicato, non ci sono regole fatte su misura, le regole valgono per tutti e si devono rispettare; non c'è alcun personalismo, al contrario è lo stesso Lotito a personalizzare per distogliere l'attenzione dalle sue responsabilità».

In serata, poi, è arrivata la controreplica del presidente della Lazio, affidata ai microfoni di Sportmediaset: «Io dico bugie? Le bugie le dice la Figc, io ho una sentenza dalla mia parte», ha detto Lotito nel botta e risposta.

Lotito respinto dalla Figc: le motivazioni

Giovedì scorso Lotito era arrivato nella sede della Figc credendo di poter partecipare al Consiglio vista la decisione del Collegio di garanzia di chiedere alla Corte federale d'appello una rivalutazione della sanzione sul caso tamponi. Per Gravina, però, questa non era sufficiente e per questo lo aveva fermato: secondo il presidente della Figc quella era un invito a rivalutare il caso e non una cancellazione della sentenza. 

 

Ultimo aggiornamento: 18:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA