Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lukaku e l'Inter di nuovo insieme:
al Chelsea 10 milioni per il prestito

Lunedì 20 Giugno 2022 di Alberto Mauro, Salvatore Riggio
Lukaku e l'Inter di nuovo insieme: al Chelsea 10 milioni per il prestito

Inter- Lukaku, manca solo l'ufficialità. Il Chelsea incasserà 10 milioni più bonus (legati alle vittorie della squadra e non a obiettivi individuali). L'ok immediato di Steven Zhang ha dato un'accelerazione alla conclusione dell'affare. Adesso il belga - con il quale l'accordo sull'ingaggio è stato trovato da tempo a 7,5 milioni di euro a stagione - è pronto a tornare in Italia. Con la fumata bianca (oggi si definiscono gli ultimi dettagli), Lukaku è atteso a Milano nelle prossime ore per le visite mediche. Centrato anche l'obiettivo di trovare un'intesa entro il 30 giugno, cosicché l'Inter potesse usufruire delle agevolazioni fiscali del decreto crescita. Adesso tocca a Dybala. Questa settimana ci sarà un altro incontro con l'entourage dell'argentino. L'offerta nerazzurra è di 5,5 milioni di euro a stagione; la richiesta dell'ex bianconero è di 7 più uno di bonus. Si chiude a 6,5. Simone Inzaghi può ritenersi soddisfatto di questo inizio mercato. Alla Pinetina sono pronti ad abbracciare Bellanova dal Cagliari e Asllani dall'Empoli. Poi si penserà alla cessioni. Skriniar si è promesso al Psg (65 milioni di euro; 8 di ingaggio) e Dumfries - parallelamente all'affare Lukaku - può finire al Chelsea per 40 milioni di euro. Dzeko è corteggiato dalla Juventus (per il ruolo di vice Vlahovic).

Rispetto all'Inter, il Milan è meno attivo. In settimana arriveranno i rinnovi di Maldini e Massara. E si deve battagliare con il Psg per Renato Sanches e chiudere con il Bruges per De Ketaelere. Spiragli per Botman. La Juventus è sempre in attesa di una risposta definitiva da Di Maria, in vacanza a Ibiza insieme a Lo Celso e Paredes. L'argentino non sembra avere troppa fretta di definire il suo futuro, ma ha capito che la proposta di un anno (più opzione) a 7 milioni è il massimo che può ottenere dalla dirigenza bianconera. El Fideo deciderà a breve, il Barcellona - prima scelta - non ha rilanciato, e qualcuno ha interpretato la sua ultima foto social, in bianco e nero, come un indizio di mercato. Nel frattempo, alla Continassa si lavora per Kostic: ha rifiutato il rinnovo con l'Eintracht trovando l'accordo con la Juve per un triennale a 2,5 milioni più bonus. C'è ancora distanza tra la richiesta dei tedeschi di 20 milioni e l'offerta bianconera di 12/13, ma si può chiudere a 15 più bonus. Previsto un incontro per il rinnovo di De Ligt: la Juve ha l'esigenza di ridiscutere i bonus mentre l'olandese vorrebbe abbassare a 70 milioni la clausola rescissoria. Il Cagliari ha messo sul piatto 4,5 milioni per Brunori, ora i bianconeri aspettano la mossa del Palermo. Dopo Bonatti per la Primavera della Juventus salgono le quotazioni di Paolo Montero.



Il Napoli è alle prese con il rebus Koulibaly. La sua situazione ha attirato le attenzioni di Barcellona, Chelsea e Juve. In caso di divorzio (scade nel 2023) il centrale senegalese avrebbe confidato di voler evitare polemiche, da qui quel «no alla Juve» che spalanca le porte all'estero, il Napoli lo valuta 40 milioni. Accordo raggiunto tra la Fiorentina e Italiano per il rinnovo di contratto fino al 2024 con opzione di un anno e stipendio da 1,7 milioni di euro a stagione più bonus. Pillole romaniste: questa è la settimana di Celik. Ogni giorno è quello buono per l'approdo del turco alla corte di Mourinho. Sirene estere per Spinazzola: Real Madrid e Psg hanno sondato l'entourage dell'azzurro.
 

Ultimo aggiornamento: 17:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA