Marsiglia-Psg, è successo di tutto:
Neymar e Messi protetti con gli scudi

Lunedì 25 Ottobre 2021 di Giuseppe Mustica
A Marsiglia è successo di tutto: Neymar protetto dagli scudi e Messi fermato da un tifoso

A Marsiglia è successo di tutto. E Le Classique ha "regalato" attimi di tensione. Troppa, a dire il vero. Ma era immaginabile e si sapeva anche prima della partita, visto che al Velodrome erano state installate delle reti per proteggere i calciatori in campo. Ma non è bastato, è evidente, per come è andata la sfida. Neymar conosceva già del clima incandescente, Messi lo ha assaporato ieri sera. Alla fine è finita 0-0. Con due gol annullati - uno per parte - e l'espulsione di Hakimi dopo 12 minuti del secondo tempo. Ah, mentre l'arbitro rivedeva al Var l'azione, per poi decidere di buttare fuori l'ex Inter, è stato anche preso di mira da un laser. Nel mirino ci sono finiti tutti praticamente. 

 

Neymar protetto dagli scudi

Il brasiliano è stato protetto dagli scudi di plastica degli addetti alla sicurezza prima di battere un calcio d'angolo. Nel momento in cui una pedina del tridente delle meraviglie di Pochettino (che li ha mandati in campo tutti insieme, con Di Maria a supporto) si è avvicinato alla bandierina, i tifosi dagli spalti hanno cominciato a lanciare delle bottigliette. Non è stato colpito, fortunatamente, Neymar, anche perché come detto protetto nell'occasione. Clima caldissimo, quindi. 

Video

Messi fermato da un tifoso

Nonostante l'inferiorità numerica il Psg faceva ancora paura. E a 20' dalla fine, mentre Messi puntava deciso verso la porta difesa dall'ex Roma Pau Lopez, ha perfettamente capito cosa vuole dire giocare una partita del genere. Un tifoso ha invaso il campo cercando di fermare la corsa della Pulce verso l'area avversaria. Ce l'ha fatta, l'invasore, prima di essere placcato dagli steward. Una serata di ordinaria follia per la partita più sentita del campionato francese. Che anche quest'anno lascerà degli strascichi. Perché ovviamente gli organi federali hanno segnato tutto. E le polemice, in Francia, cominciano ad impazzare. 

 

Ultimo aggiornamento: 13:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA