Mihajlovic positivo al Covid dopo la leucemia: la serata con la moglie al Billionnaire

Lunedì 24 Agosto 2020 di Mauro Evangelisti
Mihajlovic positivo al Covid dopo la leucemia: la serata con la moglie al Billionnaire

ROMA Su Instagram, Mihajlovic compare in una foto del 9 agosto insieme alla moglie a cena al Billionaire, in Costa Smeralda, dove undici dipendenti successivamente sono risultati positivi. Ieri, sempre sui social, è apparso un post: «Vi ringrazio per i messaggi che mi state mandando, ma state tranquilli, papà sta benissimo ed è completamente asintomatico. Ovviamente, anche noi, venendo dalla Sardegna e da Ponte Cervo, siamo stati sottoposti al tampone». Il messaggio compare su una storia del profilo Instagram di Virginia Mihajlovic, giovanissima, figlia di Sinisa.

Mihajlovic positivo al Covid, Bonolis e il figlio tra i contatti: «Subito i controlli ma ci è andata bene»
Mihajlovic positivo, Dario Marcolin con lui in Sardegna: «Strano, Sinisa ha fatto vita ritirata»
Le figlie di Mihajlovic: «Papà sta benissimo, è asintomatico»

La storia è stata condivisa dalla sorella Viktorija. Entrambe erano in vacanza in Costa Smeralda con il padre, come mostrano le foto rilanciate pubblicamente sui social tra barche e mare (ma non feste). L'annuncio delle due ragazze ha seguito quello più formale della squadre allenata da Mihajlovic, il Bologna: il tecnico, come centinaia di altre persone che hanno trascorso le vacanze in Sardegna, è positivo. Ed ora, grazie alle tante foto che circolano sui social, si ripercorrono gli incontri della vacanza in Costa Smeralda, dalla partita di calcetto con Briatore e Bonolis alla cena con Zlatan Ibrahimovic. In serata da Barcellona è stato annunciato che anche Pjanic, ex Juve ed ex Roma, è positivo: anche lui era stato in vacanza in Sardegna, a Porto Cervo come Sinisa.

​Mihajlovic positivo al Covid, la partita con gli amici a Porto Cervo: da Rovazzi a Briatore, ecco chi c'era

LA BATTAGLIA
Un anno fa Sinisa Mihajlovic rivelò di avere la leucemia. Sottoposto al trapianto di midollo, ha iniziato la sua battaglia, restando in prima linea sulla panchina del Bologna. Ieri mattina, dopo il suo ritorno da Porto Cervo, la società emiliana, come chiedono le regole della serie A, ha effettuato il tampone sul coronavirus. Quando è arrivato l'esito, ha diffuso un comunicato che ha scosso non solo il mondo del calcio: «Sinisa Mihajlovic, rientrato venerdì a Bologna, è stato sottoposto al tampone di controllo per il Covid-19 ed è risultato positivo. Il tecnico, che è assolutamente asintomatico, resterà in isolamento per le prossime due settimane, come previsto dal Protocollo Nazionale». Cinquantuno anni, nato a Vukovar, ex nazionale della Serbia, in Italia ha vestito la maglia di Roma, Sampdoria, Lazio e Inter, dove ha iniziato la sua carriera di tecnico per arrivare, nell'ultima stagione, al Bologna. Parlando della sua convivenza con la malattia, prima dell'estate ha spiegato: «Il peggio sembra essere passato, ora mi sento più forte». Sia pure da asintomatico, l'infezione da Sars-CoV-2 ora rappresenta un'incognita e un motivo di vigilanza particolare.

Eppure, racconta chi gli sta vicino, nella vacanza in Sardegna Mihajlovic è stato molto attento: non ha frequentato i locali notturni amati anche dai calciatori, a parte quella cena al Billionaire ricordata con una foto. Ma nei club della movida della Costa Smeralda, soprattutto nella seconda settimana di agosto, la trasmissione del virus è stata rapidissima, tanto che solo su Roma ci sono già 300 giovani tornati con il Covid. Tra di loro il portiere della Roma, Mirante, e due ragazzi della Primavera, ma la lista del calciatori contagiati in Sardegna è lunga (e probabilmente è destinata ad allungarsi), da Petagna del Napoli a quattro del Cagliari. Ieri positivi, poi, anche giocatori di Fiorentina e Spal. Con Mihajlovic in ferie a Porto Rotondo c'era tutta la famiglia: erano in otto, con i figli, molto giovani, probabilmente più interessati alla vita notturna di quella fetta di Sardegna, in cui si sono dati appuntamento molti ragazzi di Roma Nord, in tanti arrivati direttamente da Ibiza e Mykonos. Ma Sinisa è stato molto prudente, giura chi gli stava vicino. Racconta Dario Marcolin, ex calciatore della Lazio, oggi commentatore a Dazn, e amico di sempre del tecnico «Sinisa faceva vita ritirata, non frequentava locali notturni e spiagge. E non è una persona che si lascia andare sesso ad abbracci e baci, resta sempre un po' a distanza».

CONTATTI
Tra partite di padel e di calcetto, colpisce una foto scattata durante un match organizzato dal petroliere Hormoz Vasfi. L'ha pubblicata Briatore sul solito Instagram. Sul campetto da calcio tanti volti conosciuti: Paolo Bonolis, Andrea della Valle, Fabio Rovazzi. Era il giorno di Ferragosto. Anche Mijailovic ha giocato, visto che comunque le regole anti Covid erano rispettate e si era all'aperto. Alla sera, cena a Porto Cervo e abbraccio con un'altra leggenda del calcio, Zlatan Ibrahimovic.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA