Napoli in crisi, dalla furia di Osimhen alle scuse di Mazzarri: cosa è successo con il Frosinone? A Roma per invertire la rotta

Nella partita di ieri sera ha preso forma la delusione dei campani che non si aspettavano di prendere quattro reti dal Frosinone in una partita più che abbordabile

Napoli in crisi: dalla furia di Osimhen alle scuse di Mazzarri: a Roma per invertire la rotta
Napoli in crisi: dalla furia di Osimhen alle scuse di Mazzarri: a Roma per invertire la rotta
Mercoledì 20 Dicembre 2023, 19:26
3 Minuti di Lettura

Rabbia, delusione e tanta amarezza. Questo è rimasto ai tifosi del Napoli dopo la partita di ieri sera in Coppa Italia contro il Frosinone persa per 4-0 al Maradona. Una sonora sconfitta che ha alimentato i malumori della piazza, che solo sei mesi fa festeggiava la vittoria dello Scudetto dopo 33 anni, mentre ora si ritrova a sgomitare per entrare in Champions League. Gli azzurri, infatti, sono attualmente nel gruppo di cinque squadre che vanno dal quarto all'ottavo posto in Serie A e sono concentrate in tre punti.

Roma-Napoli, arbitra Colombo: chi è e tutti i precedenti

Napoli, la rabbia di Osimhen fotografia del momento

Walter Mazzarri ha schierato in campo un Napoli rimaneggiato per non stancar troppo i titolari in vista della partita di sabato contro la Roma. Per 60 minuti gli azzurri non hanno subito reti, ma dal momento in cui sono entrati in campo i quattro titolari (Osimhen, Lobotka, Di Lorenzo, Kvaratskhelia) i ritmi si sono abbassati e sono arrivate due reti. Nel finale di gara, poi, i ciociari hanno poi dilagato calando il poker in un match che ormai era segnato da un atteggiamento in campo non adatto ai campioni d'Italia in carica.

A dimostrarlo è stato proprio il nigeriano, che a fine partita è stato ripreso dalle telecamere mentre sbracciava con un compagno in panchina. Il volto era contorto dalla rabbia e dalla delusione per una partita buttata al vento e che segna l'eliminazione dal torneo. Mazzarri si è preso le sue responsabilità chiedendo scusa ai tifosi e rimettendosi a testa bassa a lavorare.

Il club, infatti, è tornato a Castel Volturno per preparare la partita del fine settimana che rappresenta un incontro molto importante per la corsa alla prossima Champions.

I segnali in vista del mercato

Dal centro sportivo campano sono arrivate due ottime notizie per il tecnico toscano che ritrova in campo Anguissa e Zielinski, presenti in campo con il gruppo e pronti anche a giocare allo Stadio Olimpico. Elmas resta in terapia così come rimane sulla via per l'addio. A gennaio potrebbe preparare le valigie per lasciare la Serie A, magari in direzione Lipsia dove c'è il RedBull molto interessato a prenderlo per circa 25 milioni.

Porte girevoli, come conferma lo stesso allenatore del Napoli: «Io faccio valutazioni con la società, poi loro spiegheranno. Di sicuro qualcosa andrà fatto, a centrocampo va via da gennaio Anguissa per la Coppa d'Africa, poi se ci sono altre cessioni, come Demme, la società interverrà per sostituirli. Dopo lo scudetto se qualcuno che gioca poco vuole andar via, io sono per farli andare via e far venire forze fresche più motivate».

Napoli, gli obiettivi del calciomercato

Per andare a coprire i buchi, anche quello che lascerebbe Elmas, il Napoli ha messo nel mirino Boubakary Soumaré, centrocampista centrale del Leicester che è in prestito al Siviglia. Oltre a lui, presente in lista anche Mats Wiesfer che milita con il Feyenoord, prossima avvversaria della Roma in Europa League. Infine, gli azzurri sono alla ricerca di un terzino che possa far rifiatare Di Lorenzo, per avere un arosa più compleeta in vista del rush finale in Serie A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA