Napoli-Udinese, Sottil non si fida degli azzurri: «Non penso sia in crisi, resta competitivo»

Domani sera la sfida al Maradona

Andrea Sottil, tecnico dell'Udinese
Andrea Sottil, tecnico dell'Udinese
Martedì 26 Settembre 2023, 14:46 - Ultimo agg. 18:38
3 Minuti di Lettura

«Siamo tutti molto uniti e compatti, sono stati giorni di confronti sereni con la società. C'è un ambiente concentrato per la gara di domani. Siamo tutti consapevoli della classifica, ma siamo volenterosi di andare a trovare una vittoria per dare continuità». È quanto ha detto Andrea Sottil nella conferenza stampa della vigilia della trasferta a Napoli. «Giocare subito fa bene - ha aggiunto -, aiuta a non pensare troppo a quello che è successo domenica. Ci siamo confrontati e credo che abbiamo fatto la miglior prestazione. La strada da seguire è quella, anche se ci sono stati dei piccoli errori che la Fiorentina è stata brava a sfruttare. Lì dobbiamo migliorare e crescere per finalizzare e concretizzare quella mole di gioco che produciamo. 75 tiri in 5 giornate, siamo nella top 4 per occasioni create e terzi per calci d'angolo. Con la Fiorentina credo che se rigiochiamo la partita dieci volte, ne vinciamo nove. Le critiche fanno parte del gioco ma vanno fatte in modo costruttivo. Secondo me la squadra è cresciuta ma contano i risultati che arriveranno attraverso una prestazione di un certo livello».

Quanto ai campioni d'Italia, il tecnico dei friulani ha ricordato che «il Napoli non è affatto in crisi, sinceramente non penso che possano avere dei problemi di spogliatoio. Non è la mia priorità capire le loro problematiche, ma capire i loro pregi e difetti per preparare una strategia di partita. Lavoro sulla mia squadra e sul momento. I ragazzi sono dei professionisti e a questo livello bisogna essere capaci di sopportare le critiche, perché si passa anche da questi momenti. Siamo sereni e vogliamo archiviare le partite precedenti portandoci avanti le cose positive viste contro la Fiorentina. Loro giocano molto più in verticale rispetto all'anno scorso e sono molto più consolidati. La conoscenza dei movimenti tra di loro è quasi perfetta». Circa gli infortunati, Pereyra sta ritrovando la miglior condizione - «è un giocatore aerobico e snello quindi non credo ci vorrà molto.

Lo vedo affamato e voglioso di diventare più performante e competitivo» -, mentre Kabasele «sarà a disposizione solo per Genoa ed Empoli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA