Francia, prima alle Final Four:
battuto il Portogallo di Ronaldo

Sabato 14 Novembre 2020 di Giuseppe Mustica

La Francia è la prima squadra qualificata alla “Final Four” di Nations League. I campioni del Mondo in carica vanno a vincere in Portogallo (0-1) grazie alla rete di Kante al 54’. Non solo il gol (secondo con la maglia della Nazionale): ma il centrocampista del Chelsea è in assoluto il migliore in campo. Una prestazione maiuscola che aumenta i rimpianti di Antonio Conte che lo voleva fortemente nella sua Inter. Poca cosa il Portogallo stasera. Ronaldo in campo per tutti i 90’. Probabilmente, nell’ultimo turno, ininfluente in casa della Croazia, il centravanti della Juventus nemmeno ci sarà. E può sorridere Pirlo, perché nell’altra gara del girone, quella tra Svezia e Croazia (2-1), Kulusevski trova il primo centro con la maglia della sua Nazionale: riceve palla dentro l’area, la protegge, e col sinistro spedisce sul secondo palo dove Livakovic non ci può proprio arrivare. Il raddoppio per i padroni di casa arriva nel recupero del primo tempo con Danielson. Ed è lo stesso difensore, con un’autorete, a riaprire la partita nei minuti finali. Ma la Croazia non riesce mai a rendersi pericolosa.

 

 

 

Sarà decisiva invece Spagna-Germania nel prossimo turno. Perché gli uomini di Loew battono 3-1 l’Ucraina, decimata, anche questa sera, dalle assenze per il Covid-19, volando in testa al girone un punto sopra alla formazione di Luis Enrique. Eppure la squadra di Sheva era riuscita a passare in vantaggio al minuto 12 con Yaremchuk. Ma Sane prima e Werner poi, l’hanno ribaltato già nel primo tempo. Nella seconda parte di gara è sempre l’attaccante del Chelsea a chiudere la partita in maniera definitiva. Pareggio invece (1-1) tra Svizzera e Spagna. Al vantaggio dell’atalantino Freuler (26’) ha risposto Gerard Moreno (89’). Ma la notizia di questa partita è un’altra. E riguarda Sergio Ramos (che ha battuto Buffon nel numero di presenze - 177 - in Nazionale): il difensore del Real Madrid, dopo aver messo a segno 25 calci di rigore consecutivi negli ultimi due anni, riesce a sbagliarne 2 in una sera. Il secondo con un mezzo cucchiaio mal riuscito. Per la gioia di Sommer, che mai pensava di poter respingere due tiri dal dischetto ad uno dei più forti in questo fondamentale. Nota in chiusura: con il pareggio (0-0) con Gibilterra, il San Marino conquista il secondo risultato utile consecutivo. Non era mai successo nella propria storia. Una prova gagliarda, nonostante l’inferiorità numerica all’inizio del secondo tempo. 


 

Ultimo aggiornamento: 15 Novembre, 01:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA