Nations League, la Spagna cala il poker:
Germania bloccata dalla Svizzera

Domenica 6 Settembre 2020 di Giuseppe Mustica
Una notte da ricordare. Sia per Ansu Fati che per Sergio Ramos. La Spagna batte 4-0 l’Ucraina volando da sola in testa al proprio girone. Ma al di là del risultato sono altri i dati da mettere in evidenza. Il primo, senza dubbio, è quello che vede protagonista il giocatore del Barcellona: con la rete di questa sera, il classe 2002, diventa il più giovane calciatore della storia a segnare con la maglia della nazionale spagnola. 17 anni e 311 giorni. Un record che durava da 95 anni. Era il 1925 quando Errazquin, 18enne, siglava quello che fino ad oggi è stato il gol più “giovane” per le Furie Rosse. Un record distrutto stasera da uno che già ne ha inanellati parecchi nella sua breve carriera.
E poi c’è Sergio Ramos, il capitano, con l’ennesima doppietta, ha raggiunto Di Stefano all’ottava posizione dei calciatori più prolifici della nazionale. Sono 23 in totale per il difensore del Real Madrid in 172 presenze. Il primo gol su rigore, quello che ha aperto la partita; il secondo con la zuccata sulla palla perfetta di Dani Olmo. Anche per lui serata speciale. Per la Spagna gloria nel finale anche per l’altro giovanissimo, questo del Manchester City, Fernan Torres. Non va oltre l’1-1 invece la Germania in Svizzera. A passare in vantaggio è la squadra di Low con Gundogan, che dal limite dell’area batte Sommer. Nella ripresa è l’ex Udinese Widmer a riportare le cose in parità.
 
KOLAROV ESPULSO, MURIQI NON C’E’ 
 
La Serbia ha pareggiato 0-0 in casa contro la Turchia. Niente da segnalare se non l’espulsione di Kolarov, ormai ad un passo dall’addio alla Roma: doppia ammonizione per il difensore destinato all’Inter di Conte che già domani dovrebbe ufficializzarne l’acquisto. Non c’era invece in campo Muriqi, il nuovo attaccante della Lazio. Ieri era programmato il matrimonio della sorella, quindi per lui, stasera, niente nazionale. Il suo Kosovo ha perso 2-1 in casa contro la Grecia. Ed ha segnato un ex biancoceleste: Berisha.
 Ultimo aggiornamento: 7 Settembre, 07:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA