Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Inghilterra, il Norwich vieta lo stadio
ai bambini: «Troppo pericoloso per l'udito»

Inghilterra, il Norwich vieta lo stadio ai bambini: «Troppo pericoloso per l'udito» Sulla stessa linea, confermata da ricerche accademiche, c'è anche Wembley

Giovedì 18 Agosto 2022
Inghilterra, il Norwich vieta lo stadio ai bambini: "Troppo pericoloso per l'udito"

D'ora in poi nelle partite casalinghe del Norwich non ci sarà più posto per i bambini. La società calcistica, che lo scorso anno è retrocessa in Championship, la seconda divisione del calcio inglese, ha scelto di chiudere le porte dello storico impianto di Carrow Road ai minori di due anni. La decisione, arrivata pochi giorni fa, non mira ad allontanare le famiglie dallo stadio, ma a salvaguardare la salute dei più piccoli. Il club, che ha annunciato il divieto aggiornando il regolamento dell'impianto, ha motivato la valutazione “sulla base di ricerche accademiche riguardanti l'impatto del rumore sull'udito dei bambini”, modificando le linee guida per partite ed altri eventi (si pensi ai concerti). La scelta è maturata anche dopo un dialogo con i rappresentanti di Wembley, dove vige lo stesso divieto, e consultando stimati ricercatori. Un'esposizione continua a suoni troppo elevati potrebbe portare a gravi conseguenze nello sviluppo del linguaggio e nella capacità di concentrazione, oltre a causare mal di testa e un'alterazione dello sviluppo del comportamento. “Questa decisione è stata presa per prevenire gravi rischi e danni ai bambini”, sentenzia il comunicato. Intanto i “canarini”, allenati dall'ex tecnico dell'Aston Villa, Dean Smith, sono in picchiata. Quattro punti in quattro gare: a mancare non è solo il canto dei più piccoli.

Ultimo aggiornamento: 19 Agosto, 17:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA