Occhi a mandorla per richiamare
il giapponese, è bufera razzismo

Lunedì 10 Febbraio 2020
Occhi a mandorla per chiamare il calciatore giapponese sostituito, bufera razzismo in Spagna
È bufera in Spagna per il gesto di Dani Pastor, assistente allenatore del Maiorca, che si è rivolto al calciatore giapponese Takefusa Kubo mimando il gesto degli occhi a mandorla. Nel corso della partita giocata ieri dalla formazione delle Baleari contro l'Espanyol, Pastor ha richiamato Kubo dal gruppetto di calciatori che si riscaldavano con un gesto giudicato da molti come «razzista» e «inappropriato».

LEGGI ANCHE Coronavirus, ragazzino cinese insultato sul campo di calcio: «Spero tu ti ammali»
LEGGI ANCHE Inter, Lukaku: «Razzismo? Gli ignoranti vanno tenuti fuori dagli stadi»
 
Takefusa Kubo è la giovane promessa del calcio giapponese: classe 2001, di proprietà del Real Madrid, gioca in prestito al Maiorca dove ha già messo in mostra il suo talento. Ieri l'assistente dell'allenatore Vicente Moreno, per attirare l'attenzione del giovane calciatore e chiamarlo per fare il suo ingresso in campo, ha mimato il gesto degli occhi a mandorla. Sui social è montata immediatamente la polemica: diversi utenti, sopratutto asiatici, hanno accusato Pastor di «razzismo», definendo quel gesto «disgutoso». La partita, per la cronaca, si è chiusa con la sconfitta per 1-0 del Maiorca.

Ultimo aggiornamento: 16:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA