Il “pistolero” Suarez alla Stranieri
per l'esame di italiano che serve alla Juve

Sabato 12 Settembre 2020 di Federico Fabrizi
Luis Suarez
Luis Suarez seduto su banchi dell’Università per Stranieri di Perugia alle prese con congiuntivi e condizionali. Il campione uruguaiano del Barcellona, infatti, ha bisogno di un attestato di conoscenza della lingua italiana di livello B1 per poter ottenere la cittadinanza del nostro Paese e passare così alla Juventus come calciatore comunitario. Il trentatreenne attaccante avrebbe già raggiunto l’intesa con la squadra bianconera, ma quel che lo separa dalla firma in calce ad un super contratto con stipendio da oltre 6 milioni all’anno sarebbe un po’ di burocrazia. La Juve, infatti, non può ingaggiare un altro calciatore extracomunitario, e a Suarez non basta una moglie di origini friulane, Sofia Balbi, per la cittadinanza del Bel Paese, gli occorre anche la dimostrazione di conoscere un po’ di Divina Commedia e qualche regola di grammatica. A Palazzo Gallenga vige la consegna del silenzio sull’arrivo dell’esaminado vip, fatto sta che la notizia anticipata ieri dalla Gazzetta dello Sport è molto più che una possibilità. Sarà con ogni probabilità il Centro per la valutazione e le certificazioni linguistiche dell’Università per Stranieri a gestire l’esame di italiano del “pistolero”. Il centro è un’eccellenza dell’Ateneo ed oltre a svolgere gli esami si occupa anche di preparare prove per altri istituti convenzionati. Il calendario del Cvcl di Perugia prevede due sessioni a strettissimo giro di posta: una la prossima settimana, nella giornata di giovedì, e un’altra per la settimana successiva. Il calciatore uruguaiano parteciperà con molta probabilità ad una delle due sessioni. Luis 

Suarez non sarebbe comunque il primo calciatore a passare nei corridoi di Palazzo Gallenza. E non sarebbe neanche il primo juventino. All’Università per Stranieri di Perugia, infatti, ha imparato l’italiano Han Kwang-Song, il talentino nordcoreano che tre stagioni fa fece faville con la maglia del Grifo: 7 gol in appena 17 presenze. Anche Han poi è passato alla Juventus, a gennaio dello scorso anno, nella formazione Under 23, poi per lui non è andata benissimo: sei mesi dopo ha preferito lasciare Torino: destinazione Doha. 

Suarez, invece, immagina un viaggio più breve: Barcellona, Perugia, Torino. Ultimo aggiornamento: 15:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA