Serie A, da Chiesa a Ibrahimovic fino a Pogba. Tutti gli (ultimi) infortuni dei campioni

Serie A, da Chiesa a Ibrahimovic fino a Pogba. Tutti gli (ultimi) infortuni dei campioni
di Salvatore Riggio
Giovedì 28 Luglio 2022, 13:06 - Ultimo agg. 29 Luglio, 14:11
3 Minuti di Lettura

La Juventus è in apprensione per Pogba. Sono ore delicate e difficili per il centrocampista francese, rientrato ieri in Italia dalla tournée bianconera negli Stati Uniti. Oggi è in programma l’ultimo consulto specialistico per capire come intervenire in seguito alla lesione del menisco. Due le strade percorribili: l’intervento di “pulizia” (asportazione del menisco in artroscopia) confermerebbe i tempi di recupero previsti di almeno 40 giorni, mentre in caso di sutura (preservando il menisco) si arriverebbe addirittura a 4/5 mesi di stop con l’addio al Mondiale. Naturalmente la prima soluzione è preferibile, ma solo se darà garanzie di un pieno recupero.

Milan-De Ketelaere, si aspetta la fumata bianca. Juve, Pogba stop: affondo per Paredes

Gli infortuni nella Juve

E non è l’unico infortunio, negli ultimi mesi, in casa Juve. Il 9 gennaio scorso Chiesa si è fatto male (e non vede l’ora di rientrare in campo), procurandosi nella sfida contro la Roma (4-3) la lesione del legamento crociato del ginocchio sinistro. Adesso si consola con l’acquisto di una Ferrari SF90 Stradale, l’hypercar del Cavallino Rampante da 1000 cavalli dal prezzo di listino di 427.930 euro. Ma oltre ai due juventini, c’è un altro giocatore in A che sta lavorando per rientrare nel gennaio 2023. Si tratta di Ibrahimovic, che a maggio dopo lo scudetto conquistato a Reggio Emilia nel 3-0 rifilato al Sassuolo, si è operato al legamento crociato anteriore e posteriore del ginocchio sinistro. In queste settimane lo svedese – che intanto ha firmato il rinnovo con il Diavolo per un altro anno – sta lavorando duramente per farsi trovare pronto dopo i Mondiali in Qatar, in quelli che dovrebbero essere gli ultimi sei mesi di una carriera incredibile.

E sui social Ibrahimovic non si stanca di mostrare i suoi muscoli. In attesa del ritorno in campo. Non a caso la rinascita del Milan, oltre al lavoro superlativo di Stefano Pioli che ha guidato la squadra prima al ritorno in Champions (non accadeva dal 2014) poi alla vittoria dello scudetto (l’ultimo nel 2011), è concisa con il ritorno di Zlatan nel gennaio 2020, dopo l’esperienza in Mls, ai Los Angeles Galaxy.

© RIPRODUZIONE RISERVATA