Premier League, Solskjaer al capolinea:
per allenare lo United c’è anche Allegri

Martedì 6 Ottobre 2020 di Giuseppe Mustica

La sconfitta in casa contro il Tottenham di Mourinho potrebbe costare cara a Solskjaer. Il tecnico norvegese del Manchester United è sotto pressione e, la sosta, per la società dei Red Devils, arriva nel momento opportuno. Sono in corso le valutazioni per capire se continuare – ma l’1-6 è un macigno pesante – o se cambiare. E la seconda soluzione è quella che appare al momento la più probabile. E già circolano i nomi in Inghilterra: con Maurizio Pochettino e Massimiliano Allegri che sarebbero pronti a salire in sella ad una delle panchine più affascinanti d’ Europa. Dei contatti con l’ex tecnico degli Spurs – guarda il caso proprio la squadra che ha messo a nudo le carenze di Solskjaer – ci sarebbero già stati. E, secondo i tabloid inglesi, anche l’allenatore livornese, ormai fermo da più di un anno, sarebbe già stato messo al corrente del possibile interesse. Lo United dopo tre partite ha collezionato due sconfitte interne e una vittoria, clamorosa e in pieno recupero con un rigore assegnato dopo che l’arbitro aveva già fischiato la fine della partita, sul campo del Brighton. La posizione di classifica è un colpo agli occhi per i tifosi dei Red Devils – poco sopra la zona retrocessione – ma più che altro quello che preoccupa è l’assenza totale di un’idea di gioco, la mancanza di quella cattiveria che ha sempre contraddistinto i rossi di Manchester e soprattutto un nervosismo che dimostra, evidentemente, che c’è qualcosa che non va all’interno di un gruppo sicuramente importante. Soprattutto dopo l’arrivo in estate di Van De Beek e proprio ieri del Matador Edinson Cavani che, svincolato, ha deciso di andare a chiudere la propria carriera in Premier League. 

Ultimo aggiornamento: 12:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA